Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/20

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
18
monsignor perrelli

Monsignore — Chesta ù ’a munacella. Nenno’, di a MuuSj. gnore tuie, quanto vuò fa sta funziono?.! siignoro tui0 ponsorà a tutto! Voglio spenderò dena.iv ssaie chella jurnata, po lo fa fà na bella figura! tu veramente tiene 1’ inclinaziono. di’ ’a verità?

Cecilia — Comme vo’ Monsignore, e zi-zia

Monsignore — Commo ha risposto bone: essa non tiene volontà... dice: La volontà vostra è la mia! questa è la vera vocazione.

Ortensia — Essa è affurtunata, ha truvato chisto sant’ omino, che le fa chesta sciorta ’e carità!

Monsignore (che da qualche tempo prima si è frugato nelle tasche) —L’avraggio lassate dint’ ’a cammero ’e liette! Giacumi va dinto, vamrae a piglia ’a tabacchera! Vide se sta ncoppe ’a culunnetta, o ncopp’ ’o cantarano!

Giacomino — Mo vaco, quanta pazienza! (via e torna).

Monsignore — Ceciliè, diramo na cosa, quanto tiempo t’ànno date ’e permesso?

Cecilia — Nu mese sulamonte!

Monsignore — E un mese, me paro che basta per vedere tutto il mondo! Sei venuto da me, vaie a Chiesa mia. te vaie a fa na passeggiata dint’ ’a Villa Roalo, e accussi ’o visto tutto cose!

Cecilia — E sultanto chesto aggio vedè?

Monsignore — E che altro vuoi vedè!... Quoste sono lo coso principali di Napoli.

Cecilia — Ma è troppo poco, io nun me pozzo cuntentà.

Monsignore — Allora, na sora ’o chesta, to porto a hevere l’acqua surfogua a S. Lucia, e ti porterò con la mia carrozza, perché allora i cavalli staranno bone, fino a Mergellina. Si cuntenta?

Cecilia — Comme vulite vuie. Ma pure è poco.

Monsignore — Chesta non se cuntenta ’e nionto!

Giacomino (fuori) — La dinte nun ce steva a tabaccherà

Monsignore — E hai visto buone!

Qiacomino — Aggio revutato tutto cose, nun aggio addo vedè cchiù.

Monsignore — Ma io stammatina ’a teneva? e che n agg‘° fatto? Mi dispiace di perderla, è quella tabacchiera d ar gento che io caccio por le grandi occasioni: è nu ric°r do dei padri miei.

Giacomino — Pecchè quante padre tenite? .

Monsignore — E’ discesa in eredità dal padre al figlio* figlio all’altro padre... e così, via via, fino a me!

Aurelio — Monsignò, può darsi che ve la siete dimentica dalla marchesa stamane.

Monsignore — Che ciuccio!

Giacomino — Chi ù ’o ciuccio?

MonsiONOBK — Cho ciuccio che songh’io, accussi sarra * to, commo ha ditto D. Aurelio, io l’aggio cacciata A 1

Marchesa; e là me l’aggio scurdata. , (

Auhelio Adoaao mindoreino il guard-tporla a pr«n( *’r