Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/18

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
16
monsignor perrelli

Monsignore — Ma devi fare qualche sagrificio perla lenza.

Giacomino — Facitele vuie sti sacrificio, io. si min magno pe mez’ora sò muorto. Penzanno cho Mari.umciia nun è pronta ancora, e se magne chiù tarde, me sente voni ’e granché dinte ’o stommeche!

Monsignore — Tu che dici, se magne chiù tarde? E io appena ho preso una tazza di cioccolata dalla marchesa Torrone, come posso resistere?

Giacomino — Vulite fa ’o sperimento? Veviteve nu cate d’ acqua.

Giulia — Ah sieto stata dalla marchesa Torrone?

Monsignore — Si, adesso di là vengo!

Giulia — Quell’ Emilia, è una buona amica; ma si vede sempre l’origine sua che è molto bassa, è molta volgare nei suoi modi.

Monsignore — Sarà come dite, io la trovo una brava e buona siguora. Tene nu cuoco che fa ’a cincculata magnificamente.

Carlo — Perciò è na brava signora 1

Giulia — Domani sera verrà pure da me!

Carlo — Non sapete, Monsignore, che domani sera è la nascita della baronessa, la quale finisce 40 anni.

Giulia — Che bestia! Io faceva 40 anni? E quanto mai lo signore fanno 40 arnie? Tutto al più arrivano a 35, 36, e se fermano 1

Carlo — Per esempio, vuie site arrivate a 36, e non siete andata più nanze.

Giulia — A 35! me posso spingere un altro poco.

Carlo — L’anno venturo arriverete ’a ’o confine!

Giulia — Sono venuta a pregarvi di favorire domani sera, perchè tengo il solito mercoledì, cosi stiamo entri tious. La vostra persona è desiderata da tutti.

Monsignore — Baronessa mia vi ringrazio, ma io non posso uscire la sera, perchè i crepuscoli mi fanno male.

Carlo — E che ve possono fa i crepuscoli?

Monsignore — Seh! na cosa ’o niente! Io nun ’o credeva ma la forza cho tenene i crepuscoli, è una cosa da sbalordire. L’altra sera me ne cadette uno ncoppa ’e mane, mi fece tale un dolore che ancora nun pozzo muovero e dito!

Carlo — Sarrà state quacche animalo che v* à muzzocato.

Monsignore — Che animale, fu un crepuscolo. Io sono uscito diverse sore pe vede i crepuscoli, e nell’ oscurità nun aggio potute vedè niente. E’ vero, neh I Giacuini?

Giacomino — Signore, Eccellenza, manch’ io aggio visto niente! (viene avanti),

Monsignore — L’altra sera mi venne 1’ idea ’e caccià ’e mano ’a fora ’o spurtiello, pe vedè se chiuveva e dovetti ritirarla ’e prossa! Talo fu il dolore che intesi.

Giacomino (piano a Carlo) — Fuia io che le tiraie na scurriatate ncoppa ’a mane, po nun ’o fa asci chiù ’e sora.

Monsignore — Vedeto che ho ragione per nou uscire di sera.