Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/17

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
15
atto primo

SCENA VI.

Monsignore e detti.

Monsignore ( di dentro) — Giacumino... Ciiacuminol Mariannella...

Giacomino — Mo so no vene! Vedite si ’o putite persuade vuie 1

Monsignore (fuori) — Ahi 3tai lloche! Te sto chiammanne a tre ore e nun rispunne? Toli?... pigliete’o cappiello, e sta bastone (esegue) Ali! Che onori son questi, la baronessa, e le baronessina in casa mia! Vi siete degnato di vonire in questa spelonca!

Giulia — Monsignore vi bacio lo mani (esegue) Beatri, bacia ’a mano ’a Monsignore (Beatrice esegue).

Monsignore — Bonedetta figlia mia... benedetta 1... Ab!. qua nce sta puro ’o paglietta?

Carlo — Monsignò io sono venuto per farvi vedere quelle carto di cui vi parlai.

Monsignore — E porchè mo vulite disturba? Io a n’ altro poco vaco ’a tavola, pozzo vodè ’e carte? Veditevelle cu ’o segretario, facito vuie. Io quanno aggia mangia nun voglio sapè niente.

Giacomino (Che è riuscito, dopo posato il cappello) — ’O sapite dicere, elio quanno magnate nun vulite s«ntere a nisciune; e perchò chelii povore bestie ’e vulite fa sta diune?

Monsignore — Vedite cliiste povero scemo, quanta collera se piglie p’ ’e cavalle. Nun ave appaura che chille stanne meglio e to e meglio e me I Tu l’è date a bevere? e nun avè appaura.

Giulia — Giusto questo voleva domandarvi, Monsignore che cosa è ’o fatte d’ ’e cavalle che dice Giacumino?

Monsignore — Eb! Baronessa mia, io non posso spiegarvi tutto, voi non aveto fatto gli studii profondi che ho fatto io. Le notti intero sò stato ncoppe ’o libre, pe fa sta scoperta... ma finalmente vi sono riuscito.

Carlo — Quale è sta scoperta?

Monsignore — Che l’uomo può vivere senza mangia.

Giacomino — Ma vuie frattanto magnate; e magnate buono!

Monsignore — Pe mò magno, appries3o sto diune pure io.

Carlo — E l’esperimento ncoppe ’o cavalle commo vi riesce?

Monsignore — Benissimo 1 1 secoli futuri mi faranno un monumento por questa mia scoverta... perchè non si spenderanno danari pel vizio del mangiare.

Carlo — E doppo che i cavalli si saranno abituati che pensate di fare?

Monsignore — Faccio subito il secondo esperimento ’ucoppe a Giacumino.

Giacomino — Cu ine V! Io nun magnavo?’ M’ avito primme accidere e pò nun magno!