Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/16

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
14
monsignor perrelli

Puverielle che se moreno ’e famme, ma mo so rimasto asciutto comme ’a n’esca 1 Aiero lo sconnette tutte e tozzolo ’e pane che orano rimasto ’a tavula, ma nun ne cacciaie niente pecche chille tenene fammo assai.

Beatrice — Povera gente! Deve essero una famiglia disgraziata 1 Che compassione!

Giacomino — Che compassiono, po vuio! Se sapissove che strazio è pe mo quanne ’e voche! Io ’o cliiamme Cicciotte, Niculine,... loro mo guardeno sporute. sperute, àrapene ’a vocea, e io lo doncho na vevuta d’acqua fresca... Loro voveno,... Pò mo guardano n’auta vota, vedono che io ncn mo n’incariche, s’accoceiono sotto o nun me guardano chiù! puverielle io stesso l’aggià fa ’o boia!

Beatrice — Perchè non li date a mangia?

Aurelio — Signuri non v’ affliggote, chillo parla d’ ’e cavalle 1

Giacomino — Perchè Monsignore accussi à ordinate, cho nun l’aggià dà a magna.

Aurelio — Si, è vero! Dico che vuol fare un nuovo esperimento sui cavalli

Giacomino — Evviva ’a bestia, salvanno ’a chierica, ma perchè nun ’o fa cu isso stu sperimento?

Giulia — È una delle tante stramberie di Monsignore!

Giacomino —Isso me dicetto accussi: Giacumi io aggio fatto na scuporta, cho l’orarne po’ sta senza magna! E comme cainpe? lo dicetto io. T’ ’o laccio avvede coi fatti. Il mangia è una abitazione.

Carlo — Abitudine, bestiai

Giacomino — O abitudine, o abitazione ò ’o stesso!... Se uno se leva stu vizio ’o mangià, sta buone ’e salute, e se sente chiù leggiere. Da dimane nnanze voglio fa ’a prova ncoppe ’e cavalle... e pe nun ’e fa senti ’o dolo re, tutta na vota, tu accuminciarrai a poca ’a vota. Prini me e farraie sta diuno ogni tre gliiurne, po nu iuorno si, e n’ auto no, all’ urdomo ogni ghiuorno diune. E io accussi aggio fatte.. ma simme arrivate che ’o puverielle nun ne ponno chiù, e ine scunocchiano p’ ’avia!

Caelo — Vuol diro che stiamo all’ultimo periodo.

Beatrice — Nun mangiano più io povere bestie?

Giacomino — Già... voveno sulamente.

Carlo — L’acqua nun nce 1’ ha levato ancora?

Giacomino — Anze me decotto, si vide cho tenono famni® e tu dallo a bovero I E chillo puverielle tenene *e panzt’ chieuo d’acque, ma parone doie votto.

Giulia — Ma che ò asciuto pazzo Monsignore.

Aurelio — E’ una fisima cho si ù mossa in testa, ma fio** rà col persuadersi.

Giacomino — È una fisica che s’ ’a puosto ncape e so por suadu quanno o cavallo sò muorto I