Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/15

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
13
atto primo

Carlo — Domani sarò fortunato di presentarvi i miei augurii. Tanto pè sapè, è una dimanda indiscrot.i, quant’anue facito?

Giulia — E vuie da na femmena vulite sapè sti cose? iucche vulite senti na bucia?... è meglio che parliamo d’ altro.

Aurelio (piano a Carlo, facendo vedere che gli spolvera il soprabito) — Stai tutto sporco alle spallo {piano). Dà chiacchiere ’a Baronessa, perché debbo parlare con Beatrice.

Carlo — (Ab! Belli) Baronè, giusto, giusto, vi debbo dimandare delle informazioni sul conto dol fu D. Michele, vostro cognato, favorite di accomodarvi sul canapè (parla piano).

Aurelio (piano) — Beatri, cho piacere cho si venuta, io contavo i minuti, por arrivaro a mercoledì, per vederti un’ altra volta.

Beatrice (piano) — D. Aurè sontite, io aggio truvato ’a scusa cu mammà, che dovevamo invita a Monsignore, pè farla veni ca neoppa; p’avè ’a consunzione ’e ve vedè.

Aurelio (c. s.) —Ma perchè non mi chiami Aurelio; che mi dai sempre dol voi.

Beatrice — Nun me trovo ’a parlare cu ’o tu. Eppò mamma nun sape niente, papà nemmeno, io comme pozze pigliarmi sta cunfideuza.

Aurelio — Pigliati tutte le confidenze che vuoi (parlano piano).

Giulia (piano) — Voi sapete perchè mo state trattenendo?

Carlo — No!...

Giulia (c. s.) — Purché D. Aurelio deve fare l’amore cu Beatrice, e voi facite da mezzano.

Carlo (c. s.) — E voi coram’ ’o sapete? (ripigliandosi) Dico... Voi vi sbagliate...

Giulia — Pagliè, voi siete paglietta, ma io la sono più di voi.

Carlo — Parola d’ onore voi dovete essere sorella carnale a Farfariello. {ridono).

SCENA V.

Giacomino e detti.

Giacomino (di dentro) — Ma è cosa che se pò tira nauze accussi? Quanne vene Monsignore nggià fa arruvutà ’a casa.

Carlo — Ma chi è sta bestia che grida?

Aurelio — Deve essere Giacomino, che si lagna di qualche cosa. Qui sono tutti padroni di casa l 1 servi siamo noi.

Giacomino (fuori) — Diciteme na cosa vuie V È na cosa bona chollo cho sta facenno Monsignore 1 Io aggio spise tutte ’e granello che m’avova aggbietate, pe aiutà chille duie