Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/14

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
12
monsignor perrelli

Cecilia (piano) — Zì-zi iamme dinte ’a cucina pecchè stu signoro me è antipatico!

Mariannklla — Venito cu me. cho ve faccio avverò chelle che avite fa

Ortensia —- Cu licenza vosta! Ci ai viene cu rao (viano insieme a Marianna).

Aurelio — Dunque tu mi dicevi che Cecilia è figlia a cholla bizzoca.

Carlo — E’ una supposizione! perchè D. Michele Filaccio, era un poco di buono, o si dico che teneva nu figlia, fatta cu na cammarcra. Adesso paragonando il fatto. ne viene, che essa è chella cammarera, e che;i gnagliona è ’a figlia; si nò pecchè le pagavano sti sei ducate ’o mese? A te comme te pare?

Aurelio — Proprio così! E conti di fare?

Carlo — E che no saccio 1 Lasciami informa un poco, e pò vedimmo appriesso...

SCENA JV.

Mariannella seguita da Giulia e Beatrice.

Mariannella (Che si è alquanto aggiustata) — Signurì, favorite qua, accumurateve nu poco, Monsignore, non putrà tarda a veni.

Giulia — Grazie, buona donna (Marianna via).

Aurelio — Oh! Che onori son questi? La nostra baronessa si è incomodata di venire fino a qua!

Giulia —Andavo in cerca di Monsignore; ma so cho non nce sta; o so permettete l’aspetteremo.

Beatrice — Mammà, qui ci stà, anche D. Cariuccio.

Giulia — Vattò chi ò vò vedò a chillo paglietta mbrugliono.

Carlo — Chisto paglietta songh’ io?

Giulia — Non vi pigliate collera, perchè tutte è pagliette sò mbrugliune, ma voi pò più degli altri.

Carlo —E io vi ringrazio! Quando la Baronessa Filaccio mi dice di queste cose, io mi credo sempre onorato delle sue parole.

Giulia — Pecchè non vi site fatte vedè da 2 mesi, voi sa peto eh* io ricevo sempre il mercoledì. Che ve ne site fatte? Vó site rotto ’e gamme.

Carlo — Baronè, stato spiritosa stammatina 1

Beatrice — Chesto nun ’o putito dì; mammà è sernpro spiritosa.

Carlo — Ebbiva Nennolla! Baronè vodeto, io vado spe-*50 a teatro, voi togliete circolo ’a mezzanotte. quindi io verrei por starci pochissimo.

Giulia — E imitilo che ghiate truvanne scuse! Quacohe sor® non si va ’o teatro.

Carlo — Io sono abbonato a S. Carlo, e ogni sera stò »* dinto

Giulia Domani aora capita la tuia nascita; u vi bandi*10 dalla mia casa se non venito!...