Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/13

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
11
atto primo

Carlo - Padre ne anche ne tiene?

Ortensia (confusa) — Mnrette doppo poco, d’’a morte d’’a mugliera.

Carlo (con ironia) — Vedete che cumbinazione! E comme si chiainmave ’o padre ’e sta piccerella?

Ortensia — Vaie quant;* cose valite sapè? Nun vedite che a cbesta povera criatura lo patene ’e lagreme pe dinte nll’acchie! [a Cecilia) Nun fa niente — gioia d’ ’a zia — nun fa niente, nun te piglia collera io sempe te voglio bene... (seguila a carezzare Cecilia).

Carlo (piano ad Aurelio) — ’A piccerella manco p’ ’a capo 1’ ò passato 1 Quella bizzoca ’o dice per sventare il discorso. Ma atlesso mi ci motto di punta per appurare la verità, lo credo che chella piccerella è figlia ’a essa.

Aurelio (c. s.) — Tu che dici? è figlia ’a bizzoca?

Carlo (c. «.) — Essa dice: che è zita verace? Le voglio fa avvedo cierte fasulillo verace cho sò na bella cosa. Mo voglio appura tutte cose dalla Baronessa.

SCENA III.

Mariannella e detti (Suono di campana).

Aurelio — Hanno suonata ’a campana? Deve essere qualche visita di etichetta, pecche per lo persone accussi non ’a sonene.

Carlo — A me nun m’hanno sunata ’a campana, vuol dire che io songo nu straccione!

Aurelio — Tu sei di casa; ’o guardaporte te sape (chiamando in fondo) Mariannella, Giacumine, qualcheduno...

Mariannella (fuori con sinale da cucina e maniche riboccate) Signuri, che cuminannate!

Aurelio - E’ ntise ’a campana! Muoveti, chiamine Giacumine, falle apri ’a porta, vedite chi è che sale.

Mariannella — Giacumine sta ’a stainmatina abbascio ’a stalla, sta sbarianne cu ’e cavalle... Meneca comme sapite sta dint’ ’o lietto e io sto sola dinte ’a cucina che sto spiccianno, pecche Monsignore vò magnà ’a mieze iuorno inpunte. Dicite vuie comme me pjzze spartere?

Aurelio — Cosi non si può andare avanti! Qui vi è bisogno di qualche altra persona.

Carlo — E ’o cuccliiere nun ce sta?

Aurelio — Giacumine fa da servitore e cucchiere, e accussi

Monsignore sparagno na mesata.

Caria» — Ma infine è isso sulo, comme nce sta tanto da fà?

Aurelio — Conosce a tutta Napole, qui è un via vai contitinuo dalla mattina alla sera.

Ortensia — Se vulite che vaco io dinte ’a cucina, io ve pozzo servi. Pò nce sta ’a piccerella ca cucina bona sape fa pure ’o piatte doce.

Carlo — Eggià, ’o moueche sulo elicilo sanno fa.