Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/12

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
10
monsignor perrelli

Carlo — Figlia mia, so domandi il mio paro re io ti dico chiaro e tondo di no!

Ortensia — Ognuna tono ’a nclinazione s-:• \on tutte’0 deto de ’a mano so ’o na manera.

Cecilia — Io faccio chello che vo ’a zia, V Monsignore.

Ortensia — Avito ntiso coinmo v’ ’a risposto bello!

Carlo — Chosta c ’a leziono che l’avito inparato. Ma io vo. glio sapè se nce sta il suo pieno consenso?

Cecilia — ’O consenso mio nce sta! Pecche io là dinte sò nato, là dinte sò crisciuto, e là dinte...

Carlo — Voglio muri... Me paro na canzoncina che canta. Ma sentite a me, non sarebbo meglio cho ve spusarissive nu buone giovino, cho vo facesse felice po tutta a vita; invece di andare a perderò ’a gioventù vosta chiusa fra quattro niura.

Cecilia — Zi zi, vuie ’o sentite chille che sta dicenne? Chille è ’o diavule cho parla Questa è opora del Demonio! Tentazione, tentazione! (si fa il segno dell’evangelo).

Ortensia — Vuie vo vulite sta zitte cu sta vocca. Vaie sconnettite quanno parlato! Chillo è Farfariello cho vo metto sti parolo inocca! Cacciateno a Farfariello!

Cecilia — Tentazione! Tentazione!

Carlo —Farfariè vattenne! Ecco cho se ne è andato Far fanello! possiamo parlare cuiete. Tu, adesso. che si è fatta sta ragazza grandetta, perchè non la ritiri a casa tua, o la metti a lavorare; e ti sarebbe anche di aiuto nello tue cose?

Ortensia — Comme parlate bollo, e a me, ’o donare chi nie ’e dà pe ’a campa? Chi campo diritto, se solo (licere, campa afflitte!

Carlo — Tu pe forze dritte ò a campà, pocchè vularisse campà puro stuorte! Quali sono i tuoi mezzi di vita! Che arto faio?

Ortensia — Io, mo, niente! Na vota faceva a caintnarera: mo tengo na penziuncella,

Carlo — Pecchè sei vedova?

Ortensia — Nun sia maie! Io sò zita vorace!

Carlo — Io nun t’ aggio dinto nionte ’e male! Chi te ’a paga sta penzioncella?

Ortensia — ’O barone Filaceio. Io sò stata chiù ’e 15 anne ’a servi c’ ’o frate, D. Michele, cho è muorto. salute à vostro Eccellenza, e primmo è muri lasciato ditte a 0 frate che m’ avesse passate sei ducato ’o mese.

Carlo (pensando) — E ’o barone, quell’avaraccio porco. h» mantenuta la promossa. Mi fa meraviglia! (piano ad Aurelio) Qui gatta ci cova! ’A cosa nunmo paro lisce (forte) E sta piccerella cornino te è nipote?

Ortensia (confusa) — È figlia a na sora da mia cho morta.

Carlo — Ed è morta da molto tempo?

Ortensia — fc morta nfiglianza quanne facotto a essa.

Cecilia — SiHaignoro, io mamma nun a tengo; ai-aia ma fatto da mamma.