Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/11

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
9
atto primo

no. Devi scusà perchè Monica. la cuciniere è malata. Non so Giacumino e Marianella che se ne sono fatti... mi sentiranno.

Carlo — E inutile che t’ incoino li, poccliè na vota che so trasuto. a me nun mo proine niente chiù!

Aurelio — Non è per to, e per gli altri cho verranno.

Carlo — Monsignore già... a quest ora non nc’ è.. non si trova mai in casa!...

Aurelio — Egli ó sempro in giro per le visite, frequenta tutta la nobiltà napoletana.

Carlo —Sicuro, e ’e signoro nce spassene

Aurelio — È di carattoro allegro, M msignoie, sa mantenere la conversazione.

Carlo — Aggiungi a tutto questo, che dice pure ’e puzze d’ ’e ciucciarie.

Aurelio — Non è tanto poi quanto si dice.

Carlo — No, ’e dice, ’o ciucciarie, nun ne parla. Già tu si ’o segretario puoi saperlo più di me.

Aurelio (piano) — Non parla male ’e Monsignore, perchè qui vi è una sua conosconto o potrobbe riferirglielo.

Carlo — E addò sta?

Aurelio — Addietro a te!

Carlo — Sangue do Bacco! (si volta) (E io tenevo sta cosa ’a rote e nun ’o sapeva!) Segreta in confidenza chella guagliona è bona assii! E addò è asciuta?

Aurelio — Quella è una ragazza che fra un mese non esisterà più, pecche se fa monaca.

Carlo — Tu che monaca e monaca, e vuò fa perdere chillo fiore accussi bello! Mo nce parlo io o la persuaderò... io tengo na parlantina persuasiva.

Aurelio — Statte zitto pe carità! Io te conosco, tu iosce a foro a ’o seminato e scumbine, e pò Monsignore so piglia collera.

Carlo — Nun nco penzà; io porterò il discorso doce... doce... (forte) Nennè 1 favorite nu momento cà!

Ortensia — Mi avete chiamata (viene avanti) Che cummannato?

Carlo — Ma ve pare che io chiainmave a vuie, nennella? Forse, molti secoli fà.

Ortensia — Tanta vecchia me facite?

Carlo — Vecchia molto, no; ma io credo che a Nerono v’arricurdate?

Ortensia — Vuie vulite pazzià ca me? E pazziate cu ’a salute.

Carlo — Io vaglio ’a piccerella, no a vuie. avite capite?

Ortensia — Ah! Ah! vui volite a Cicilia?

Carlo — Accussi se chiamme V È nu bello nomine!

Ortensia — Vieno cà, Cici, stu signore te vò vedè!

Cecilia (viene avanti) — Comme vulite vuie zi zi.

Carlo (squadrandola) — È bellissima, più da vicino cho da lontano. E vero che ve vulite fa monaca?

Cecilia — Comme vulite vuie!

Aurelio (piano) — Accussi ha risposto pure a mo t