Paggena:Monsignor Perrelli.djvu/10

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
8
monsignor perrelli

Ortensia - Nonsignore io ’a tengo pe mo pecchè ’a peccerella se vò fa monaca, o primme e fa ’a funzione, pe nu mese, adda vedè tutte ’e coso d’ ’o munno!

Aurelio — Eh!.. un mese non basta! (con intenzione) Nce vonne, parecchi anni! (a Cecilia) E voi volete farvi monaca, carina?

Cecilia (scornosa) — Comme vulite vostra Eccellenza.

Aurelio — Comme voglio io? Corame volete voi! (a Ortensia) Mi sembra che non abbia l’età per decidere del suo stato. Quante anne tene?

Ortensia — Ne tene diciotto!

Aurelio — E a diciotto anni che volete che sappia del mondo; e pò sempe chiusa là dinte, cho pò sapè?

Ortensia — Chi v’ ha ditte chella capisce, meglio ’e me e meglio ’e vuie; e pò è pure alleterata, sapo ’e leggere e scrivere! Signò! Che nce fa ncoppa a stu munno? O munno e triste, essa là dinte sta cuieta, cuieta e preia ’o Signore p’ ’e peccate nuoste che songhe assaie. Accussì avesse truvate pure io nu sant’omme comme ’a Monsignore, all’ ora ’e mo nun me truvarria sperta pe ’o munno, io povera scurfanella, che non tengo nisciuno pe me.

Aurelio — Volete dire scorfanone! All’età vostra è raro ad avere ancora i genitori.

Ortensia — Vuie cho dicite, nce sta Monsignore che è chiù gruosse ’e me, tene ’o padre o ’a mamma, che sò due vicchiarielle.

Aurelio — Si, lo ao, ma questo è uno dei casi, elio si contano sulle dite.

Ortensia — E comme è succiesso pe isso poteva succedere pure pe me; e nvece io m’aggio avute mettere a faticà giovena... giovena...

Aurelio — E questa bella ragazza di chi è figlia?

Ortensia (un pò sbigottita) Ah!... è figlia ’a na surella d’ ’a mia, che è morta... Salute a chi me sente.

Aurelio (entusiasta) — Bella! bellissima! È un peccato che si debba far monaca, Cecilia, e voi siete propensa a farvi monaca?

Cecilia — Comme vo ’a zia!

Aurelio — lo credo che Monsignore sarà molto contento questa vostra risoluzione! Che ne dite?

Cecilia — Comme vò Monsignore!

Ortensia (piano) — Comme ve pare? Comme ve respo

Aurelio — Ma dice sempo ’o stesso! S’ è mparata a lezione.


SCENA II.