Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/82

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
76
eduardo scarpetta


SCENA VIII.

Bettina e detto, Peppeniello, indi Vicienzo.

Bett. Comandate, eccellenza.
Fel. (atterrita) (Muglierema!... Eh! mo’ l’aggio lu bicchiere de vermouth!) (si volta dall’altra parte.)
Bett. Eccellenza, pertanto sono venuta io, perchè ho inteso un tocco, e con un tocco vengo sempre io.
Fel. (E a me nu tocco m’è benuto!)
Bett. Dunque, che comandate?
Fel. (E se io si parlo, chesta me cunosce!)
Bett. (con precauzione e quasi ridendo gli parla alle spalle) Io saccio tutte cose, io stongo da la parte de la signorina... Chesta è stata na finzione che avite fatta tutte quante.
Fel. (Allora sape tutte cose... Sape che io so’ lu marito!...) Bettina mia, mugliera mia...
Bett. Chè!.. Feliciello!... Ah, piezzo de nfame!.. assassino!... Si' tu!...
Fel. Ma lu ssaie o nun lu ssaie?..
Bett. A chesto si' arreddutto, a ginhi facenno mbroglie!... Galiota!... Birbante!... Ah, me si’ capitato n'auta vota sotto!...
Fel. Bettì, pe carità!....
Bett. Scellarato!.. nfame!.. Ommo senza core!.. Seie anne luntano da la mugliera, senza ncaricarse cchiù si sta femmena era viva o morta! Seie amie, senza farine vedè na vota chella povera criatura!.. Addò sta Peppeniello? Addò sta figliemo?.... Parla!...... assassino!...