Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/74

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
68
eduardo scarpetta

Gaet. Comme!... scumbina?
Fel. Si. è un intercalare che tiene. Quando non può avere una cosa, dice: Badate che io scumbino tutto!
Gaet. (ride) Ah! ah!.. Ho capito.
Pasc.La biricchina, la biricchina!
Fel. La biricchina, la biricchina! (All’arma de mammeta!)
Gaet. Va bene, contessina, si penserà anche per lei!.. A proposito, marchesì, voi giorni fa mi diceste che la principessa di Case-e-ova voglio dire Casador, moglie di vostro zio, qui presente, era ammalata... Adesso, come sta?
Eug. Ah, male, molto male!
Fel. Malattia inguaribile, caro mio, si tratta di petto.
Pasc.Poveretta! Non capisce niente più, si è ridotta così...
Fel. Ieri sera sono arrivati quattro medici da Londra e due dall’America, e, dopo di averla osservata, dissero: «Caro principe, non ci pensare più a tua moglie, essa non tiene più nè polmone, nè fegato... Tiene sì un poco di fegato, ma è poco, è troppo poco!.. »
Gaet. Nun avasta manco pe nu fritto!
Fel. Dissero: « Se la milza si mantiene ancora fresca, potrà vivere un’ altra settimana; ma è difficile, perchè la milza sta già per putrefarsi. »
Eug. Poverina! Fa proprio compassione!.. (Non capisco perchè dire tante bestialità!) Gaet. Mi piace però il carattere del principe! (Tiene la moglie quasi moribonda, e non se ne incarica).
Fel. Ah, io sto sempre così!.. Sempre di buon umore!...