Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/62

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
56
eduardo scarpetta


padre la mia famiglia, e se la sorte ci sarà favorevole, se riuscirà la finzione, saremo felici e per sempre.Per ora non ti dico altro; a voce ti dirò il resto. Ama sempre il tuo Eugenio. » E che vo' dicere chesto? Che saprà sta finzione?
Bett. E che ne saccio, signurì?.. Chello che ve pozzo dicere solamente: stateve attiente, perchè a li vote na figliola, quanno meno se crede, è ngannata!
Gem. Tu che dice, Betti!?... Chillo, Eugenio, va pazzo pe me!..
Bett. E chill'assassino de maritemo pure lu pazzo faceva, e po’ quanno me spusaie,..
Gem. Comme!... Bettì, tu si’ mmaretata?
Bett. Sissignore, signuri, da ott'anne! Me spusaie nu giovene de notaro, nu certo Felice Sciosciammocca, e doppo duie anne de matrimonio nce spartetteme.
Gem. E pecchè ve spartisteve?
Bett. Pecchè chillu birbante se mettette a fa l’ammore cu na sarta, e pe chella femmena steva facenno ji la casa sott' e ncoppa. Io l'appuraie, e le facette prime nu paliatone, e po’ me ne jette. Me credeva che stu mio signore, doppo quacche tiempo, se fosse ricurdato de me. Ma niente!... So' seie anne che sta cu chella tale, e io comme fosse morta adderittura!
Gem. Povera Bettina!
Bett. A me nun me dispiace pe isso, signurì, crediteme, ma pe nu guaglione che le rimmanette, e che isso nun m’ha valuto maie dà... Ma si me vene ncapo, nu juorno de chiste lu vaco piscanno, e