Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/50

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
44
eduardo scarpetta


piacere, ma ho’ i parenti suoi che si oppongono, e io nun pozzo tenè nu spittinicchio dint’ a la casa. Po’ essere che chella povera criatura overo nce mette na passione. Io aiere matina nce lu dicette: Marchesì, fenimmo sta storia!... Quanno vuie me purtate a papà cu lu zio e la zia, e nnanze a me ve danno lu consenso, allora trasite dint’ a la casa mia, e si no nun nce venite cchiù, pecchè nce ncuitammo.
Viciè. E isso che ve rispunnette?
Gaet. Niente. Me lassaie comme a na carota, e se ne jette. Ma io lu ssaccio: lu padre e li zii ccà nun nce veneno, pecchè so’ nobili, so’ superbi.
Viciè. Embè, ched’ è? Vuie nun site nobele?
Gaet. Sicuro!... Embè, che nce vuo’ fa?... Anze, Viciè, io te voleva dicere na cosa, quanno me parle, nun te scurdà de lu titolo. Tu dice sempe: Eccellenza, eccellenza, eccellenza! Ma vene primma lu titolo, e po’ l’eccellenza. Per esempio, io te dico: Vicienzo, avete fatta la tal cosa? Sì, cavaliere eccellenza... — Haje capito?
Viciè. Va bene!... Cavaliere eccellenza, vi dovrei dire na cosa.
Gaet. Che cosa?
Viciè. Peppeniè, fatte nnanze, e saluta lu signore.
Pepp. (si fa avanti) Servo vostro, eccellenza.
Gaet. Buon giorno! E chi è stu guaglione?
Viciè. Cavaliere eccellenza, m’è figlio, nun aggio addò lu mettere, lu vurria tenere vicino a me, e se il cavaliere vostra eccellenza vuole, lu faccio sta cu me... Ve serve pur’ isso, e le date na cusarella e lu magnà!...