Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/48

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
42
eduardo scarpetta

Gaet. (gridando). Fuori! fuori!
Bias. Bis! Bis! (via pel fondo).
Gaet. Va buono, te voglio fa fa io lu bis, ’o ssà!... Vi’ che ciuccio!... Faccio ’a festa! Gomme si avesse mise tutte lampiuncielle. Io ho messo tutte rose e camelie, e ogni camelia m’è custata cinque soldi... Eh! E doppo che me custave cinche lire, che me mpurtava?!.. Per mia figlia Gemma voglio spendere qualunque somma. Oggi è l’anno avversario della sua nascita, e l’aggio da sullennizzà come si deve... E poi, povera figlia, so’ denare suoie, se li fatiche cu li piede... Viciè, aissera, chillu passo a duie!... Di’ ’a verità?...
Viciè. Ah! che lu dicite a fa, eccellenza!... ’A signurina me pareva n’auciello.
Gaet. Bravo! N’auciello!.... Che bella cosa!.... Te ricuorde quanno avette chella sbattuta de mane che duraie cchiù de nu quarto d’ora?
Viciè. Sicuro, eccellenza!
Gaet. E tu pazzie!... Chella facette chillu passo accussì difficele, te ricuorde?... Mettette nu pede cu laponta nterra e cu ll’auto pede po’, da coppa a lu palcoscenico, scennette nno abbascio menanne cauce! (esegue in caricatura). Che bella cosa! Benedetta figlia mia, benedetta!... Quanno avette chella sbattuta de mane, n’auto ppoco me steva venenno na cosa dint’ a la quinta.
Viciè. E se capisce!
Gaet. Mo’ avarria essere viva Angelarosa, la mamma! Quanto la voleva bene!...
Viciè. Ma scusate, signò, chelli camelie pecchè l’avite mise llà?