Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/47

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
41
miseria e nobiltà


Siente, si tu vuò rimmanè certo dinto a sta caa, haje da dicere che io te so' patre; e quanno lu patrone t’addimmanna: « Vicienzo che t’è? » tu haje da risponnere: M’è patre, eccellenza — Haje capito?
Pepp. Vuie abbasta che me facite magnà, io ve chiammo pure mamma!
Vicie. E chiunque t’addimanna, haje da dicere sempe che me si’ figlio?
Pepp. Va hene.
Gaet. (di dentro, gridando). Tu si’ na bestia, tu nun si’ buono a niente, vattenne fora!
Vicie. Zitto, lu patrone! Mettimmece ccà (si ritirano in fondo).
Gaet. ( comparendo in iscena ). Lassa, lassa a me! Mannaggia l’arma de mammeta! (reca una lunga treccia di rose e camelie. Biase Lo segue).
Bias. Ma addò la vulite mettere?
Gaet. La voglio mettere ncapo a mammeta!,.. Guardate! Aggio da dicere a isso addò la voglio mettere...
Vicie. Eccellenza, che è stato?
Gaet. Viciè, staie lloco, e me faie veni stu mamozio de Puzzule? Viene ccà, saglie ncoppa a chella seggia, e miette sti fiori ncoppa a chella porta (indica il secondo uscio a sinistra).
Vicie. Subeto! (esegue).
Bias. Ma ch’avita fa la festa, neh, signò? (ride).
Gaet. Tu statte zitto e nun ridere, pecchè si no te mengo da coppa abbascio! Entrate fuori!
Bias. Uh! entrate fuori! (ride)
Gaet. Guè! Non tanta confidenza, sà!
Bias. Ma io..