Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/31

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
25
miseria e nobiltà

Fel. Ma che ghiuto e ghiuto! Chillo mò va da lu cumpare, se magne tre o quatte ova toste, e pò torna. Pensammo nuie invece comme avimmo da fa! — Se putesse fa nu pigno?
Pasc.Nun se po’ fa, pecchè l’agenzia sta chiusa.
Luis. (a Felice.) E doppo che steva aperta, che te mpignave? Io pe me nun caccio manco nu muccaturo cchiù!
Pasc.Chi v’à ditto niente a buie, D.a Luisè? Mamma mia! Me parite nu fiammifero, subito v’appicciate!
Luis. (a Felice) Io po’ vularria sapè na cosa da te. Tu tre ghiuorne fa me purtaste na lira e mmeza, l’autriere me purtaste ventiseie solde, aiere na lira, ogge nun haje purtate niente? E che lu tiene a fa lu tavolino sotto S. Carlo?
Fel. E che aggia fa? Che buò da me? Dimane o doppo dimane me lu venno... Chillo ncè sta pure nu pede attaccato cu na funicella!.. E po’, caro Pascale, è na speculazione che nun bà cchiù... Simme assaie!.. Ogne tanto te vide presenta a uno cu nu tavulino... senza sapè leggere, senza sapè scrivere.... Primme pe fa lu scrivano sotto S. Carlo, s’aveva dà n’ esame: lingua italiana, lingua francese e calligrafia! Mò addò sta?... Tutte quante fanno li scrivane!
Pasc.Lu fatto mio, che nisciuno vo jettà cchiù sango.
Fel. E pecchè?
Pasc.Pecchè nisciuno se salasse cchiù.
Fel. Pascà, non sapeva che dicive!.. nisciuno vo jettà sango.
Pup. Vuie parlate, ma se po’ sapè quanno magnamme?
Pasc.Concè, tu che vulive mpignà?

Menu 'e navigazzione

Fel. Ma che ghiuto e ghiuto! Chillo mò va da lu cumpare, se magne tre o quatte ova toste, e pò torna. Pensammo nuie invece comme avimmo da fa! — Se putesse fa nu pigno?
Pasc.Nun se po’ fa, pecchè l’agenzia sta chiusa.
Luis. (a Felice.) E doppo che steva aperta, che te mpignave? Io pe me nun caccio manco nu muccaturo cchiù!
Pasc.Chi v’à ditto niente a buie, D.a Luisè? Mamma mia! Me parite nu fiammifero, subito v’appicciate!
Luis. (a Felice) Io po’ vularria sapè na cosa da te. Tu tre ghiuorne fa me purtaste na lira e mmeza, l’autriere me purtaste ventiseie solde, aiere na lira, ogge nun haje purtate niente? E che lu tiene a fa lu tavolino sotto S. Carlo?
Fel. E che aggia fa? Che buò da me? Dimane o doppo dimane me lu venno... Chillo ncè sta pure nu pede attaccato cu na funicella!.. E po’, caro Pascale, è na speculazione che nun bà cchiù... Simme assaie!.. Ogne tanto te vide presenta a uno cu nu tavulino... senza sapè leggere, senza sapè scrivere.... Primme pe fa lu scrivano sotto S. Carlo, s’aveva dà n’ esame: lingua italiana, lingua francese e calligrafia! Mò addò sta?... Tutte quante fanno li scrivane!
Pasc.Lu fatto mio, che nisciuno vo jettà cchiù sango.
Fel. E pecchè?
Pasc.Pecchè nisciuno se salasse cchiù.
Fel. Pascà, non sapeva che dicive!.. nisciuno vo jettà sango.
Pup. Vuie parlate, ma se po’ sapè quanno magnamme?
Pasc.Concè, tu che vulive mpignà?