Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/29

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
23
miseria e nobiltà

Pepp. E che so’ stato io? So’ state li ppizze... Ma po’ la sudisfazione ve l'aggio data?
Fel. Che sudisfazione m’aje data?
Pepp. Chelli tre pizze che hanno nquacchiata la lettera, nn'aggio fatto tre morze!
Fel. Ah, n’è fatto tre morze?! (fa per inveire, ma Pasquale lo trattiene). Pascà, lasseme, chillo me cuffeia!
Pasc.Nun mporta, lasso ji!..
Pepp. Nun ’o vattere! (Felice vuole inveire, ma Pasquale lo trattiene ancora).
Fel. Pascà, lasseme!.. Lasseme fa lu patre! Tu accussì me faie perdere lu rispetto.
Luis. Vedite che padre! Sciù pe la faccia toia! Miettatenne scuorno!
Fel. Ma quanno chisto Pascale me tene!.. Guagliò! dimane penza a chello che haje da fa, vattenne da nu masto e mparate n’arte, pecchè si no te faccio fa ’a morte...
Pepp. (interrompendo in tuono canzonatorio) De li surece e de li scarrafune!
Fel. Mò vaco vennenno lu beleno pe li surece mò?.. Pascà, lasseme!..
Pasc.Nun mporta, Felì.
Fel. Va buono, nun te n’ incarricà, stasera parlammo!
Luis. Eh! parle dimane!... Da quanto tiempo l’avarria pigliato, e me l’ avarria mise sotto!
Pepp. (si avvicina a Luisella) Vuie a chi ve metti te sotto? Ma che m’ avite pigliato pe cavalluccio?.. Me ne vaco, sissignore!.. Ogne tanto na mazziata, ogne mumento na strillata... E che so fatto nu cane?!.. Mò vaco addò lu cumpare, e isso me mette a servì; fatico e magno. Po’ essere che trovo nu patrone che