Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/23

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
17
miseria e nobiltà

Pup. E nuie puro stamme bone, ma l'acqua nun lu bulimmo tirà!
Luis. Vi'! che dispietto, teh! Pare che si è accussì, vuie pure nun avite da vevere... Quanno vevite vuie, vevo io.
Conc. Io po me nun tengo sete.
Pup. E io manco. (Io tengo famma, auto che sete!.. La caudara starrà vullenno pure!) ̇
Luis. (alla finestra) Ah, che bell’aria fresca!.. Me pareno mill’anne che veno Feliciello... Me voglio mannà accattà miezu chilo de sacicce, nu poco de lattuca e nu litro de vino buono... Me voglio cunzulà!
Pup. Mammà, mò che vene papà e porte li denare, avimmo accattà tre custate d’annecchia, nu ruotolo d’ alice pe nce li fa nturtiera, e duie litro de vino buono... Nce vulimmo addecrià!
Conc. A la faccia de chi nun lu po’ vedè!..
Luis. {canta) Fronne ’e cerasa mia, fronne ’e cerasa, collera ncuorpo a me nun nce ne trase (di dentro suona il campanello).
Pup. Chisto è certo papà!... Che bella cosa!.. (va ad aprire, e torna subito con Pasquale). Papà, finalmente site venuto!.. Io nun ne puteva chiù da la famma... Jammo, cacciate li denare, avimmo da piglià tre custate, nu ruotolo d’ alice pe nce li fa nturtiera e duie litre de vino buono. Facite ampressa, jammo, cacciate li denare!
Pasc.(siede in mezzo alla scena e getta il cappello). Pupè, che aggio da caccià, figlia mia! Sto cammenanno da stammatina, e nun aggio pututo cumbinà na lira!.. Tengo duie solde dinto a la sacca: uno è papalino, e l’auto è francese!