Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/22

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
eduardo scarpetta

Pup. Grazie — Eh Buono appetito!... Ccà non ncè sta speranza de magnà!.. Mammà, comme ve pare sto giovene?
Conc. Eh, non c’è male, è nu simpatico giovinotto, e po’, figlia mia, basta che te lieve da dinto a sta pezzentaria—D. Giacchino m’ha ditto che è figlio de n'amico suio ricchissimo... Sperammo a lu Cielo che facesse overamente.


SCENA V.

Luisella e dette, poi Pascale.

Luis. (entra e va a vedere se ci è acqua nel catino). Acqua ’nun nce ne sta?
Conc. Me pare che l’avite visto.
Luis. E.comme se fa senz’acqua? Io sento sete!
Conc. E ghiatevella a tirà.
Pup. Ched’è, non lo ssapite che s’adda jì a tirà a lo palazzo derimpetto?!
Luis. Lu saccio, ma io aiere ne jette a tirà tre cate; potarrisseve avè la compiacenza de ne tirà nu cato vuie.
Pup. Io ogge nun me fido, me fa male ’o pietto.
Conc. E a me me fa male 'a capa.
Luis. Me dispiace... ma chesto po’ è cosa de niente. Pe lo pietto nce vo' na carta senapata, e pè la capa nu pare de prese de tabacco: facite cinche seie sternute, scaturite, e ve passa.
Conc. Io non aggio bisogno de scaturì, scaturite vuie D. Luisè!...
Luis. E io non tengo dolore de capo, io sto bona.