Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/405

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
397

de lo speziale) no quarto de zuccaro scuro, e no quarto de nzogna, no poco poco de sale, sei rossa d'ova fresche, e no poco de limone o purtuallo grattato, mpasta ogne ncosa ma senza menarla tanto ca si nò addeventa tosta, ne farraje doje mmità de la pasta, schianannola una co lo laniaturo; farraje la pettola soccia soccia, nce miette na sciurata de sciore, e l'arravuoglie chiano chiano attuorno a lo laniaturo, piglia lo ruolo che t'abbesogna, nce faje n'auntata de nzogna, e po nce miette la pettola de la pasta tagliannone co lo curtiello tutto chella che soperchia attuorno; e la mbottunarraje de sceroppata, de janco magnà, o de recotta com te piace; ncoppa nce miette l'auta pettola de pasta, e la farraje cocere, o a lu furno, o co lo tiesto.

Pasticciotti.

Co la stessa pasta, e co la stessa mbottunatura può fa pure li pasticciotti.

Zeppole.

Miette ncoppa a lo ffuoco na cazzarola co meza carrafa d'acqua fresca, e no bicchiero de vino janco, e quanno vide ch'accommenz'a fa lle campanelle, e sta p'ascì a bollere nce mine a poco a poco miezo ruotolo, o duje tierze de sciore fino, votanno sempe co lo laniaturo; e quanno la pasta se scosta da tuorno a la cazzarola, allora è fatta, e la lieve mettennola ncoppa a lo tavolillo, co na sodonta d'uoglio; quanno è meza fredda, che la puo manià, la mine co lle mmane pe farla schianà si pe caso nce fosse quacche pallottola de sciore: ne farraje tanta tortanielli comme sonc li