Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/400

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.

392

nce faje sciulià la frettata da dinto a lo piatto, la farraje cocere da chell'auta parte, e de la stessa manera de primma lieve la frettata da la tiella; la miette dinto a n'auto piatto pulito, e la faje servì ntavola.

Frettata co le pommadore.

Confromm'aje fatto co la cepolla, farraje co le pommadore; mperò pigliarraje chelle pommadore ammature, ne lieve la pellecchia, e la semmenta, le ntretarraje, e le farraje zoffritte com'a la cepolla, e de la stesaa manera che t'aggio ditto ncoppa farraje chesta frettata.

Frettata co la mozzarella.

Doppo ch'avarraje sbattute l'ova tale, e quale comm'a ncoppa, nce miettarraje, o li muzzarelle, o la provola janca pezzulle pezzulle e mbroglianno ogne ncosa farraje la frettata jonna, jonna.

Ova fritte.

Nò saccio comme me pare, de te dicere com se fanno l'ova fritte; ma addovennole scrivere dint'a sta cucina pe fa folla, t'arraccommanno de frierle a uno a uno, ca si no s'azzeccano nfra de lloro e no veneno bone; quanno la nzogna fummecheja dinto a la tiella, nce mine l'uovo, e confromma vide che s'è quagliato sotto, co la votapesce lo vuote, cercanno de commiglià lo vruociolo co chella velinia; e accossi vedarraje ca vene cuotto comm'a na sfogliatella.