Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/399

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
391

Piglia doje belle cepolle grosse le ntretarraje fine fine; piglia duje puparuoli all'acito e pure li ntritarraje, no cetrolillo a l'acito, na molignanella pur'accossì; farraje cocere tutte ste cose, co acqua paricchio, e quanno tutto s'è scuotto, nce miette no poco de pepe, lo sale, no poco de zuccaro pe darege na grazia e no poco d'acito; la pruvarraje se t'aggrazeja a lo palatano, e la mine pe ncoppa all'ova: chesta li cuochi la chiammano la sauza scema ascema che saccio che malina mbrogliano lloro!

Ncoppa a chess'ova nce può mettere pure la sauza de pommadore, la sauza verde, o quarch'auta sauza che chiù t'aggenia.

Frettata co le cepolle.

Piglia na cepolla, la ntretarraje menutola, e la farraje zoffriere dint'a la tiella co la nzogna; sbatte l'ova bone bone, nce miette caso grattato, sale, e pepe, e petrosino ntretato, e nce mmische la cepolla zoffritta jonna jonna. Piglia la tiella bona pulita nce miette no poco de nzogna, ncioè, si la frettata fosse de na dozzana d'ova nce miette no paro d'onze de nzogna, quanno s'è squagliata, e fummeca nce mine la paparotta de l'ova, e co la cocchiara de ligno vuotarraje sempe pecchè si nò sotto s'azzecca e bederraje ch'appoco appoco se quaglia e tu aunisce tutto chello che se quaglia; quanno s'è tutto quagliato, co la cocchiara agghiustarraje comm'a na pizza movenno sempe lo maneco de la tiella pecchè accossi se coce, e no s'azzecca sotto, nce miette no piatto ncoppa, e la vuote dint'a lo piatto, po miette n'auto poco de' nzogna, dint'a la tiella, e quanno frie