Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/368

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.

360

lo patto che fanno tutti li schiattamuorte de pagà li diebbiti loro a li pesielli, ncioè — Ad pisellos.

Piglia nzomma i pesielli janc' comme t'aggio ditto, e pe dudece perzune pigliarraje quattuordece rotola de pesielle (de chilli tienneri mperò) doppo che l'avrai monnati li lavarraje; po farraje zoffriere no terzo de nzogna co doje grana de cepolle novelle, spaccate a quart', a quart', e quanno le cepolle se sonc mez'arrossute nce mine li pesielli e accossì li farraje cocere votannoli sempe pe no farl'azzeccà sotto.

Li può cocere pure dinto a lo brodo de lo stufato, li può fa pure co lo caso e ova sbattute, e purzì co l'uoglio ca venene buon'assai.

Li può fa pure co la verrinia allattante a fellucce fellucce.

Menesta de fave fresche.

Chesta menesta se fa tale e quale comm'a li pesielli; mperò nce ne vonno chiù assaje.

Fave fresce co l'acito.

Quanno avarraje monnate le fave, farraje zoffriere la nzogna dint'a no tiano co no poco de presutto ntretato, doppo nce mine le ffave, e quanno sonc'a meza cottura nce miette no poco d'acito no poco d'amenta lavata, e sfronnata, e le farraje feni de cocere.

Menesta de cocozzielli.

Piglia chilli belli cocozzielli piccirilli, ne tagliarraje la cimma, e lo struppone, e lli ffarraje