Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/367

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
359

mazzetielli de torzelle, ma che nce sieno le capozzelle, e no grano de cepollette piccerelle. Da li frutti ne lieve la scorza, e li tagli a quart'a quart, le cocozzelle li gratte co lo cortiello, e accossì ne levarraje la scorza, li spacche ne lieve la semmenta, e le tagliarraje a mostacciolilli accuonc'accuonce: a le torzelle ne lieve tutte le fronne, restannoce lo cemmolillo co lo torzillo: a le cepollette pure ne lieve chella primma sfoglia. Piglia quatto rotola de pommadore, le tagliarraje ncroce, ne lieve le semmente co chella acquiccia, e le farraje vollere dinto a na cazzarola; doppo le passarraje dinto a no setaccio e chello brodo lo miette dinto a na cazzarola mproporzionata co no terzo de nzogna, sale, e pepe, e lo farraje vollere astregnennolo no poco; e po nce farraje cocere a primmo le cocozzelle che so chiù toste, doppo le cepollette e le torzelle, po le pera, e all'ultimo le percoca.

Si pò la vuò fa dint'a lo brodo de stufato pure vene bona; ma lo brodo mperò ha da essere chiù grasso.

Menesia de Pesielli.

Chesta pure è na bella menesta, quanno n'è lo tiempo. Statt'attiento mperò che non siano li niri, e a chesto no nce vo niente pe lo canoscere; si lo sciore è janco, allora sonc buoni, si lo sciore è russo, allora so niri, e fanno assai male alle biscere e abbesogna sapè che co chisti pesielli niri nce ncappano paricchie galantuommene, pecchè chillo che ffà la spesa, pe spennere chiù poco, e farese la varva s'accatta li niri, e no l'emporta ca lo patrone lu juorno va pell'aria co li dolure de panza, e co la coleca, e t'allecordo ancora