Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/366

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.

358

fili, no miezo ruotolo de verrinia allattante pure cotta co chillo brodo, e la farraje a fellucce, com pure no piezzo de presutto pure accossì; doppo tutto chesto pigliarraje sei pagnotte de pane le fellarraje, e li tagliarraje a pezzulle com'a li farinole della loca, e li frijarraje; miette dinto a na zoppiera tutte cheste cose a filaro a filaro, e ncoppa nce mine chillo brodo janco mperò sgrassannolo buono, e po mme sapparraje a dicere quant'è bello sto piatto.

Semmola.

Po la semmola se po fa de tanta manere, o dinto a chillo brodo janco se è juorno de cammaro, o dinto a lo brodo de le pommadoro, o scaudata, e po mbrogliata co butirro caso e ova, e cierti bote se fa pure co lo brodo de pesce, o pure co l'uoglio; l'attenzione che ahi d'avere a da essere de saperla cocere, ncioè, de votarla sempe, e de non farla fa a paglioccole.

La può fa pure dinto a lo brodo de lo stufato.

Menesta janca.

Comm'a la semmola può fa pure la pasta menutola, ma no la fa veni ammagliuccata, falla chiù priesto brodosella.

Menesta de frutti tagliati.

Pe 12 perzone piglia no ruotolo e miezo de pera mast'antuono, o cosce de donne; no ruotolo, e miezo de percoca; quatto cocozzelle longhe, ma chelle belle grosse, e deritte, sei