Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/364

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.

356

Dinto a chisto brodo, nce può fa la menesta janca, li risi, na zuppa de pesce, o senza, e nce può acconcià pure li maccarune.

Regola terza.
De' lle zuppe, e meneste.
Menesta de cappucce e torze.

Quann'è lo tiempo, na bella menesta pajesanella de cappucce, e torze, co la vasinicola, fatta dint'a chillo brodo janco, che t'aggio ditto ncoppa, dì la veretà, nò te consola veramente?

Menesta de vruoccole, e cecorie.

Chesta è na menesta, che tutt' se fanno la matina de Natale, e se fa pure dinto a chillo brodo janco.

Menesta de carduncielli.

Piglia li carduncielli, doppo che n'haje levato li struppuni, co doje detella ne lieve tutte lle fronne, lli lavi, e po lli ffaje stà dint'all'acqua fresca azzò se fanno janchi, doppo lli ffaje scolà, e lli ffaje cocere dinto a chillo stesso brodo janco.

Chesta menesta è assai bona pe la matina de Pasca, mperò dinto a lo bollito pe fa veni lo brodo chiù grasso, nce vonno pure le sopressate, na nnoglia, na codella de puorco, no poco de carne ncantarata, e si nce miette pure no bello saciccio, nce da chiù grazia.