Paggena:Cucina teorico-pratica.djvu/363

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
355

la menesta janca, la semmola, li risi non nge miettarraje lo lardo, pecchè nò nge cammina.

Pe lo brodo russo.

Pe chisto te può servì de chillo che trovarraje scritto appriesso parlanno de lo stufato.

Pe lo brodo de pesce.

Miette dinto a no tiano, uoglio, o nzogna na cepolla ntretata no pocorillo d'aglio, llo sale, llo pepe, no poco de spezia, e no poco de petrosino; po nce miette chillo pesce che buò, e lo farraje zoffriere bello bello, e nce jarraje mettendo no poco d'acqua alla vota, nfin' a che nce miette lo brodo; co chesto brodo nce potarraje acconcià li belli maccarune, na zuppa, na sauza nzò che buò.

Si po chesto brodo llo vorrisse russo, nce miettarraje, o le pommadore, si n'è lo tiempo, o la conserva.

Brodo apposticcio.

Può fa pure no brodo finto, ncioè, co la sola conserva, senza carne, e senza pesce.

Piglia na bona cepolla lla ntretarraje, la miette dint'a no tiano, o a na cazzarola, co la nzogna, e la farraje zoffriere, e cofromm s'arrossesce nce miette no poco d'acqua a la vota; quanno la cepolla s'è bona zoffritta nce miettarrai la conserva, e la faraje zoffriere abbagnannola co no surzillo d'acqua a la vota, e quanno se sarà tutta squagliata, nce miette l'acqua pe fa lo brodo che t'abbesogna.