Paggena:Chiacchiareata seconna nfra lu Cuorpo de Napole e lu Sebeto.djvu/12

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
12

a l’avanzamiento de la truppa (ca ll’uommene cchiù so granne, e cchiù pigliano le sbiste maiateche); ma a sta primma furia ogneduno credennose l’Eroe lo leberatore de la Patria, s’ha creduto lezeto tutto, e accossì aie visto gerà delle asatere a bezeffia. Vi ca non s’è sparagnato nisciuno: Nfi no zi Preute, a na lettere ha ditto male de lo Prencepone nuosto, de li ministre, e la Jonta provesoria, e de tutto lu genere umano, credennose fuorse isso sulo lu buono. E lu bello po è, ca nn’atto che sostene fortemente la Costetuzione, e dice cose bone mmeretà ntuorno a la lebertà de la stampa, isso pò manca a li punta cchiù essenziale de la stessa Costetuzione; pocca chiamma spergiuro lu Prencepe, lu quale facenno da Rè è mmiolabele, e non se pò suppone ca faccia lu mmale, che è sempe de li ministre. E d’auta parte isso stesso lu zì Preute è lu vero spergiuro.

C. de N. Oh chess’ è bella! e comme?

Seb. Isso comm’ a Chiachiardote ha avuto da jorà l’asservanzia de la Costetuzione de Spagna?

C. de N. Pe necessetà.