Paggena:Chiacchiareata seconna nfra lu Cuorpo de Napole e lu Sebeto.djvu/11

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
11

nuvie, tutte le betuperie che me parché? accossì me potarria sfogà pure a darele na spata ncuorpo, aspettanno ca po lu Parlamiento lu faccia resoscetà? Ah compare bello mio, chesso no me pare ca se pozza fa, e la Costetuzione no mpò maie permettere le ssatere, e li lebelli famuse, ca so state proibite sempe ntutti i luoghe, e ntutt’i tiempe. Chessa no me pare lebertà, ma lecenzia contra la caretà, e contra lu bon costume.

Seb. Uh compà, tu mo te vo tropp’addottorà! E che pretienne, c’an prencipio de nu cagnamiento, a nu casalone comm’ a lu nuosto, no nc’avesse a succedere quacche piccol’abuso, ch’a la fene se reduce a chiacchiare? Tu le borrisse tutte sante? È lu vero, ca la lebertà de la stampa nce dà sulo la lebertà de dicere li pensiere nuoste ncopp’ a na decisione, ncoppa a no decreto, ntuorn’ a nu punto de la Costetuzione, d’avvertì lu Guvierno de quacche sconcierto e de quacche sbista ca se pigliasse da le ministre e da li cape, comme facettero avvertenno lu ranciofellone pigliato da lu bravo patriottone lu generale ncapo ntuorn’