Paggena:Chiacchiareata seconna nfra lu Cuorpo de Napole e lu Sebeto.djvu/10

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
10

l’aleziune ca se so fatte nfì a mmo: Tutte sò cadute mpersone le cchiù bbone, accredetate, e legitemate dall’apinione prubbeca. Chisse nn’addeventarrano cierto figlie bastarde de la Patria che l’ha date signe de stimma; e accossì sperammo, ca tutto fenesca co coiete, co alleria, co grolia de la nosta resoscetata Nazione.

C. de N. Accossì sia, e priesto; ca mo ccà me pare ca non sulo la Jonta sia provesoria, ma è provesorio lu Guvierno, li ministre, le ssostanzie, e poco nce vò e sarrà provesoria mporzì la lebertà, e la vita de lo cetadino. Cca’ tutte spaccano e pesano; gnuno vò commannà e stampa legge; Tutte scrivono....

Seb. Ncopp’ a chesso pò no nc’è che fà. Nce stà l’articolo de la lebertà de la stampa, e gnuno se pò sfogà a dicere, e a scrivere lu sentemiento suio. Si quaccuno scrivarrà cose ncontrario, se potarrà recramà appriesso, e cercà la sfazione, che stabelerrà lu Parlamiento seconno la modefecazione de la legge.

C. de N. Comma, commà compà! Addonca s’io ll’aggio mò co uso, me pozzo sfogà a direle, e a scrivere tutte le