Paggena:Chiacchiareata seconna nfra lu Cuorpo de Napole e lu Sebeto.djvu/9

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
9

Seb. Mo te lo ddico io: s’aleggevaneli Compromessarie, da le quale hanno pò d’ascì l’eletture, e da chisse le Deputate che ann’ a rappresentà la Nazione.

C. de N. E mbe? E chessa sciorta d’operazione, da la quale depenne la salute d’Arcadea, se fa de stà manera? Avariss’ a vedè co quà jodicio, co quanta venerazione se fanno ste ccose a le parte da fora. Oe Compà, aie a tenì pe cierto, ca a Napole pe Deputate venarranno da le Provencie lo sciore de l’uommene.

Seb. E no me fa meraveglia, e lo creo securo, pocca llà se canoscene a lu tasto, e se sape si quaccuno tene lu mantiello rutto, e si nce ponn’appennere le ffose. Ma ccà beneditto mio, mmiezo a tanta deverse specie d’umanetà, nfra tanta defferent’apiniune, che meraveglia de sentì l’allucche e le sbafate? Vide pò lo resurtato! L’ommo bono ca se sta zitto e reterato vene chiammato e remmane aletto, e li ntregante co tutte le mbruoglie, co tutte le partite e l’ammicizie vere e fente, co tutto lo joquà de chiatto e de ponta pe se nfrosonià, restano sempe da fora. Vide, vì nu poco