Paggena:Altavilla - A cchi dice cchiù ppallune.djvu/64

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 64 —

Pan. Ansf, mprestàtemt na quarantina de pez ■

Pop. (con fiso pronto) Si, co itutto lo core: Errictietta?

SCÈNA VI.

Ebrichbtta. e detti.

Err. Mammà?

Pop. Piglia dinto na quarantina de pezze... (a

Pan.) pe ppezze ntanto nce ne stanno^..

Err. Avite pigliato no sbaglio* perche contante non ce né stanno; s’ha dda ire a spezza na fede de creddtfo, e la cchiu ppiccerella è dde tre mila ducate.

Pop. Ma che bestia che ssì 1 e non lo ddicive da stammatina? me lo banco è cchiuso, comme se fa? Pangrà, zompa a la casa, va, piglia li 140 ducati. ^

Pan. Eccome cca, mo vaco. (avvia e finge di essere sorpreso da un dolore al piede) Ah!! Ch’ è stato?

Pan. Bene mio! lo solito dolore... uh! uh! ncasa da meglio a mmeglio!.. lasciatemé piglià lietto. (avviandosi perle stanze interne)

Pop. (a Errichetta sottovoce) (Bonanotte 1 ajere nòe vennètteme li scaane!).

Err. (a Pang.) Tràsimmó Uà ddinto; nc’è na poltrona, ve menate Uà ncoppa.

Pop. (c. s.) (Suppòntela co n’ autà seggia, ca chella è rrotta.) (Errichetta entra velocemente) Ma comme;.. accossi, de bello?

Pan. E la solita podacra; quanno m’ afferrarne mena a tumori.