Paggena:'O gallo e 'a gallina.djvu/8

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
6
'o gallo e 'a gallina
Ciccillo — Comme? Aggio lassato patemo e pateto cu' 'na scusa pe' venì ccà a fa' pace cu ttico... e tu accussì me tratte?... Ah! brutta ingrata!
Luisella(volgendosi e ridendo) So' brutta? E vattenne!
Ciccillo — Seh! me ne jeva! E chi se move 'a ccà?!
Luisella — E tu rummane! (Parlando ha piegato la tovaglia e l'ha messa in uno dei tiretti della credenza. Già prima, sparecchiando, ha messo sul marmo della credenza la bottiglia ancora piena di vino.)
Ciccillo — Io te voglio bene assaie! (La segue sempre, mentre ella mette un po' d'ordine nella stanza).
Luisella (ridendo) — E tu nun nce pienze a mme!
Ciccillo — Luisè, tu me faie ascì pazzo!
Luisella — E tu spiccete!..
Ciccillo — E mammà che dice ca avimmo aspettà ancora...
Luisella — 'O juorno 'o giudizio!
Ciccillo — Luisè, saie ch'aggio penzato? (Va all'uscio di destra e spia se la madre di Luisella sia per venire. Si assicura di no. Indi rapidamente a Luisella) Fuimmuncenne!
Luisella — Ah! che he' ditto? Bella pruposta! So' 'na figliola onesta...
Ciccillo — Ma chille accussì nce hanno a fa spusà pe' forza.
Luisella — Io a' Chiesia aggio 'a jì' cu 'a corona 'e sciure 'arancio 'ncapo... e aggio essere degna d''a purtà!... Pe' te e pe' me... capisce?!
Ciccillo — E nun ne parlammo!... (Pausa.—Ella si è allontanata da lui). M'avisse purtà 'o musso pe' chesto?
Luisella — Ma no. (E gli si avvicina.) Te voglio bene 'o stesso... assaie assaie! (Entra dal fondo concetta. Ella se n'avvede. A Ciccillo rapidamente) Mammeta!


SCENA SECONDA


Concetta e Detti, indi Ntunetta.


Concetta (entrando, a Ciccillo) — Neh, piccerì, e tu che faie lloco? He' lassato a pateto e si' venuto ccà?!