Paggena:'O gallo e 'a gallina.djvu/7

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.



ATTO UNICO


la scena:Un basso napoletano.—In fondo, la porta comune. — A destra uscio che mette in altra stanza.—Una tavola a destra, ma non precisamente nel mezzo e serve da tavola da pranzo.—Una cristalliera in fondo, alla parete di destra: dentro vi sono in bell'ordine disposti piatti, stoviglie, bicchieri ecc.—All'altra parete, sempre in fondo, una di quelle così dette «credenze» con oggetti per la tavola.—Sedie a destra e a sinistra.—Qualche oleografia alle pareti.—È il pommeriggio di una Domenica di Giugno.—L'uscio comune è aperto.


SCENA PRIMA


Luisella e Ciccillo


Luisella(Ha sparecchiato la tavola. — Ha messo su di essa il boccale di cristallo, ripieno d'acqua, e due bicchieri. Va all'uscio con la tovaglia in mano, e fa cadere le bricciole raccolte in essa, fuori. — Ciccillo la segue, passo passo, senza darle requie.) Ciccì.. E lasseme fà! E statte cuieto! Chella mammà vene, e siente! Che nce vo' a venì d''a cucina? 'O caffè nun è eterno! E statte!
Ciccillo — Comme? Nun te pozzo dicere ca te voglio bene?
Luisella — Chesto me l'ha a dicere...! 'O voglio sentere. Ma songo 'e mmane che s'hanno sta! Tu nun me faie cumbinà niente cchiù!