Paggena:'O gallo e 'a gallina.djvu/21

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
19
atto unico
Liborio — Va... dalle nu vaso...
Ntunetta — Cummà, nun ne parlammo cchiù!
Liborio — E brava!
Concetta — E nun ne parlammo cchiù!
Tommaso — Finalmente! (Le due donne si avvicinano, spinte dai rispettivi mariti, ma, mentre stanno per abbracciarsi, ecco che dalla via una voce di donna chiama:) 'Onna Cuncè, 'o gallo 'ncuieta 'a gallina vosta... 'onna Cuncè!
Concetta (Si ferma) — 'O vi'... n'ata vota! E tu nun t'o vuo' tenere dint' 'a casa! Ma vuo' fa murì afforza 'a gallina mia!... No, niente, nun se fa 'o matrimmonio si essa nun se retira 'o gallo 'int' 'a casa e 'attacca c' 'o pere, cu nu spavo, 'nfaccia 'o gallenaro!
Ntunetta — No... niente! Nun se fa 'o matrimmonio, si essa non se retira 'a gallina 'int' 'a casa soia e 'a mette sotto chiave.
Concetta (inviperita) — Io faccio cadè 'a casa! (Alza le mani).
Ntunetta (di rimando) — Io arrevoto 'o quartiere! (fa atto minaccioso).
Concetta — Io vaco add' 'o diligato!
Ntunetta — Io vaco add&' 'o prisidente!
Liborio (A Ntunetta) — E ferniscela!... Mannaggia!... (Cerca calmarla, non riesce, se non minacciandola con pugni e fermandola su di una sedia).
Tommaso (accoppando quasi Concetta). — All'arme 'e mammeta! E ferniscela!... (La spinge contro il muro, impedendole di avventarsi contro Ntunetta).
Ciccillo (a Luisella) — Seh! Cheste p' 'o gallo e p' 'a gallina nce vonno 'nfelicità a nuie?! Mo' 'e servo a tutt' 'e doie! (Esce correndo).
Concetta (minacciando dalla parete presso la quale Tomaso la tiene ferma) — Tu m'he' fatto vattere 'a maritemo!... E mo'... mo'... spartenza pe' sempe!
Ntunetta (di rimando verso Concetta) — Allora figliete se spusarrà a figliema quanno avarraggio 'nzerrate st'uocchie!