Paggena:'O gallo e 'a gallina.djvu/20

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
18
'o gallo e 'a gallina
Ciccillo — Mammà, meh! Chella 'a cummara tene riguarde pe' buie... e stima assaie.
Concetta — Bella stima, belli riguarde!... Pe' nu sfizio, pe' nu crapiccio... me fa murì chell'ammore 'e gallina! Se ne avesse mettere scuorno!
Ntunetta — 'O vvi', Libò... po' tu dice...
Liborio — Statte zitta!
Luisella (che è rientrata) — Mammà, nun fa niente!
Liborio (a Concetta) — Cummà, vedite.. quanno s'è San Giuvanne comm'a nuie, 'ncopp'a cierti ccose se passa...
Concetta — E passatece vuie! Io dico ... sissignore... me puteva dicere: cummà, accunciammo.. che saccio? cu nu poco e razia... c' 'a maniera... Nonzignore!... Superbia! aria! E che mmalora! Io po' che l'avevo cercato? Ca se tenesse 'o gallo 'int'a casa! Pure p' 'o buono esempio 'o quartiere? Cierti ccose nun s'hanno vedè!
Ntunetta (gridando) — Qua' superbia? Qua' aria?... Chiuttosto, si' venuta tu cu 'a prepotenza! E 'a prepotenza cu mme nce tozza!
Concetta (a Tommaso) — Comme? Tu m'he fatta venì ccà pe me fa sentere chiste insulte? (S'alza inviperita) Me ne vaco... me ne vaco!...
Tommaso (L'afferra per un braccio) — Addò? statte ccà! E facite pace!
Concetta — No!
Tommaso — T'aggio ditto: fa pace! (vibrato).
Concetta — No! no e no!
Ntunetta — Libò, ma chella me fa scappà 'a pacienza!
Tommaso (a Concetta) — Vi' ca si m'avotano 'e canchere, me faie arricurdà 'e specie antiche! E t' 'o faccio ccà! (A Ntunetta) Cummà, dice muglierema ca è stato nu malinteso. Tutto è passato... chello ch'è stato è stato! (Dando un forte pizzicotto a Concetta con tuono autorevole, dice:) E parla!
Concetta (volendo ribellarsi al marito, ma timorosa dice a denti stretti:) — Già... è passato...