Paggena:'O gallo e 'a gallina.djvu/19

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
17
atto unico
Ntunetta (a Liborio) — 'O vvi', Libò, 'o cumpare mme dà raggione.
Liborio — Ma mugliereta... 'a gallina nun 'a vo' tenè nzerrata. Dice ca s'ammalincunisce, e 'a vo' fa ji' spuzzulianno p' 'a via... 'O gallo 'e chesta ha 'ncuitato 'a gallina 'e chella... Tu capisce? 'A vo' 'ncuietà ancora... 'O divertimento piace a tutte...
Tommaso — E se capisce!
Liborio — Mo' a mugliereta 'a capacite tu?
Tommaso — Quanno nun riesco, tengo nu buono remmedio... Una vota l'aggio miso mprattica... 'o siconno anno 'e matremmonio! Ma fuie nu remmedio santo, veramente putente assaie... Basta che nce arricordo, e 'a capacito subbeto... (Alza il bastone).
Liborio — Ma pigliala primma c' 'o buono...
Tommaso — Lasseme fa'! 'A piglio cu 'e bbone, pe' nun dà cattivo esempio a figliemo... tu capisce.
Liborio — Eh... capisco! Nce sta figliema p' 'o miezo! Si piglia stu cattivo esempio figlieto...
Tommaso — No... no... (Ride) Nun avè paura! Figlieta è n'ata cosa!


SCENA ULTIMA.


Ciccillo, Concetta e detti, poi Luisella.


Ciccillo (a Concetta, che è riluttante ad entrare, di dentro). — Mammà, e trasite... Papà v'aspetta...
Tommaso (alzandosi e andando verso Concetta che non entra ancora), — Cuncè? E ched'è? Trase. T'avesse prigà mo'? (Esce e rientra seguito da Concetta) 'E cumpare t'hanno mannato a prià 'e venì... T'aggio mannato pure a figlieto a chiammarte a nomme mio. Apparammo 'a facenna, meh!
Concetta(siede, senza rispondere, alla sedia che Ciccillo le ha portato).
Tommaso (a Concetta) — He' perza 'a lengua? E rispunne!