Paggena:'O gallo e 'a gallina.djvu/16

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
14
'o gallo e 'a gallina


SCENA QUINTA


Tommaso, Ciccillo e detti.


Tommaso (entrando) — Eccoce ccà... 'O guaglione m'ha cuntato cos' 'e pazze. (Ha la lingua un po' grossa, per il soverchio bere. È un po' brillo. Parla risoluto).
Liborio — 'O vi' l'ommo ca raggiona! (Gli stringe la mano). Assèttate. (A Ntunetta) Nu bicchiere 'e vino 'o cumpare.
Tommaso — Io mo' aggio fernuto 'e vevere... Me fa male... Grazie!
Liborio — 'O vino fa sempe bene... rinforza! E te l'he' a vevere ccà, ogge spicialmente. È 'na mancanza d'amicizia!
Tommaso — Quanno è chesto, sta bene! (Si sono seduti, intorno alla tavola, l'uno a destra, l'altro a sinistra). L'amicizia mette 'a coppa a tutto!
Ntunetta(è andata alla credenza, vi ha preso una bottiglia di vino, due bicchieri, ed ha portato tutto in tavola). Ecco ccà.
Tommaso (mentre Liborio versa il vino) — Cummà, allora se premmettete, nc'appicciammo pure nu sigarro (Offre nu sigaro a Liborio) Tu m'uoffre 'o vino, e io nu sicario.
Liborio — E io accetto (Accendono insieme il sigaro). (A Ntunetta) 'O vi'? Se pò scumbinà 'o matrimmonio fra figliema e 'o figlio 'e cumpà Tummaso, quanno nuie simmo un'anema e cuorpo? (a Tommaso) Dincello, cumpà... Nue primm' 'e nce spusà, avevamo già cumbinato 'o matrimmonio fra 'e figlie nuoste, si n'avevamo... Che mmalora!... Nun l'avevamo? Ch'eramo fucete?
Tommaso — Combinato e giurato! (A Ntunetta) Cummà, nuie nce avimmo spartuto 'o suonno... 'a meglia giuventù nosta 'avimmo passato 'nzieme. N'avimmo fatte campagnate, n'avimmo purtate serenate. Chi ve venette a dicere ca isso ve vuleva bene?... Fuie io! — Embè,