Paggena:'O gallo e 'a gallina.djvu/14

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
12
'o gallo e 'a gallina
Accussì se repiglia... Ma ch'è stato? (Dà il bicchiere a Liborio).
Liborio — E che ne saccio!... Songo trasuto cu tte! (Spruzza l'acqua in faccia alla figlia) Meh! Luisè... è cosa 'e niente... figlia mia!... (Rientra Ntunetta con un bicchiere, nel quale ha versato dell'aceto).
Ntunetta — Lasseme fa' a mme... Nu poco acito 'a ripiglia. (Mette sotto il naso di Luisella il bicchiere, avendo adagiata la figlia, aiutata da Liborio, su una sedia), — (A Ciccillo) E tu vattenne addu mammeta!
Ciccillo — 'Onna Ntunè! (Sorpreso.)
Ntunetta (a Liborio) — Vattenne! Aggio spuntà nu poco 'o busto a Luisella... Libò, e puortete a chillo... (I due si allontanano. Ella, frattanto, ha sbottonato la camicella a Luisella) Zi'.. zitte!.. Se ripiglia.. (Chiamandola amorosamente) Luisè... cor' 'e mamma toia!... (A Ciccillo che si è ridotto in fondo). Tutto pe' mammeta! (A Luisella che comincia a rinvenire) Te siente meglio?
Liborio (È ritornato presso Luisella) — Luisè... pateto sta ccà. Parla!... Tu saie ca io faccio chello ca vuò tu!
Luisella (Scoppiando a piangere) — Ah! papà mio bello!... Si io 'o perdo me ne moro!
Liborio (A Ntunetta) — Ma ch'è stato? Parle!
Ntunetta — 'A mamma 'e stu signore... (Mostra Ciccillo) 'o vi'... ha ditto c' 'o matrimonio nun s'ha dda fa cchiù...
Ciccillo — Ah! Luisella mia, e chi te lassa!... M'accido! cchiuttosto.
Luisella — Ciccillo! Ciccillo mio!... (Sono vicini e si stringono le mani).
Liborio — Ma 'a cummara fosse asciuta pazza? Chisto è nu matrimmonio cumbinato tutt'ammorcunzenzo? Comme, 'o cumpare Tummaso me faceva chesto... A mme?! Vattè! Chella 'a cummara ha vippeto!
Luisella — Io voglio a Ciccillo, o moro!
Ciccillo — Io m'accido!
Liborio — Aspettate, guagliù! Aspettate! Ch'avite murì. Vi' che se passa! Nu povero ommo vene 'a casa... pe' truvà un poco 'e pace, e trova st'arrevuoto... (A