Paggena:'O gallo e 'a gallina.djvu/12

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
10
'o gallo e 'a gallina
primma 'a vocca, quanno parle 'e me! Nun si' degna... (Si è alzata) Ccà nun ce stanno fose 'appennere!
Concetta — 'A principessa d' 'o cassero! (Fa un atto di disdegno.) A chella povera bestia l'avite vuttato 'o 'ngiarmo!
Ntunetta (avanzandosi verso di lei con l'indice teso) — A me chesto? E tu si' 'na femmena bona, tu?!
Concetta (alzando ambo le mani per difendersi, come gesticolando) — Tu staie dint' 'a casa toia, e pecchesto te faie a ttènere!
Ntunetta — Io so' bona ccà e fora! Nun me metto paura 'e nisciuno!.. Vattè!.. Chesta è benuta a ncuietà a casa mia! Vattè!
Concetta — Me ne cacce? (Grida come una forsennata) Ma figliemo, a chella millurdina 'e figlieta, 'a lassa... Chillo 'e sanghe mio, e cierte affronte nun se scordano.
Ntunetta — E figliema ne trova ciento e uno 'e marite! Iettava ll'uosso 'o cane! (Le due comari si sono accalorate, e guizzano fuoco per gli occhi).
Concetta — Ah! tu 'o vuò rompere stu matrimmonio... E sta bene! Tutto è sconchiuso! Figliemo 'a ccà nun nce passa cchiù! Dincello a figlieta che s' 'o scurdasse! Vide!.. Pe' 'na cosa 'e niente... nu gallo... Fortuna ca s'è visto comm'è fatta! Ah! Figlio mio addo' capitave! Signò, te ringrazio ca mm'he' apierto ll'uocchie!
Ntunetta (scattando) — E quanno te ne vaie?
Concetta — Me ne vaco, sì, te levo st'onore! Vi' che superbia! Ha miso 'e scelle 'a signora!.. Sciù!...
Ntunetta — P' 'a faccia toia!.. (Sono sull'uscio. — Frattanto è comparsa Luisella che assiste alla scena).
Concetta — Ah! Avimmo spezzato... è meglio!... Aglie fraglie, fattura ca nun se cquaglie. (Sputa, fa le corna e via).
Ntunetta(Non ne potendo più, sta per slanciarsi dietro a lei; ma l'altra è già fuori).
Luisella(Ferma presso l'uscio di destra, non ha avuto il coraggio di intervenire).