Paggena:'O funneco verde.djvu/34

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
32
'O funneco verde
Ciccillo — E chill'auto Signore che è venuto cu buio addò è ghiuto?
Alessio — Starrà piglianno misure!
Biasiello — Sta piglià a mesura de lo vestito de Peppenella, pecchè sta azzeccate vicine a essa.
Ciccillo(si volta e vede Peppenella e Mimi che parlano) — Me pare che chesta nun è a maniera! Ebbè io ve arape a casa mia, ve faccio padrone de tutte cose? e vuie ve mettite a fa ammore cu soreme?
Mimi (balbettando) — No... scusate... perdonate... io le stavo dicendo!...
Alessio — (Chillo nu guaio me lu vo fà passa a forza!)
Ciccillo — Vuie che scusate... e perdonate me iate cuntanne... vuie avite ragione a lu signore che sta cà, ma sì nò io ve pigliarria pe dinto a lu cravattino e ve accumpagnarria a cauce fino a fora a strada!
Mimi — Ma... io sono... un galantuomo!... con chi credete di parlare!
Ciccillo — Site nu galantome e iate facenno chesto?
Alessio — Ciccì, abbi pazienza, chille sò giuvinotte, nun sanno chello che fanno!
Ciccillo — Isso a da barà, a casa addò è trasute! E tu n'auta faccia tosta, pure te vrucculiava, saglie ncoppa o' mezzanino, si no te faccio na faccia de pacchere!
Peppenella — Ma io nun aggio fatto niente!
Ciccillo — Statte zitto! si no te azzecco nu cinche prune!


Scena VI.


Mariella, indi Papele e detti.


Mariella (viene dal fondo in fretta) — Mà, pe carità sarveme tu... Ciccì, frate mio, aiuteme!
Tutti — Ma che è stato!
Ciccillo — Che t'è succiesso!
Mariella — Papele, me vene currenne appriesso che me vo fa na ntaccata nfaccia!
Ciccillo — Addò sta stu carugnone che le voglio levà lu core da pietto! (si avvia verso la porta)
Papele (correndo) (porta un rasoio in mano) — Mariè te ne sì fuiete e ovè? (vede Ciccillo) (Uh! 'o frate sta cà!)
Ciccillo — Ah! nun te credive de truvarme cà! Tu credive de truvarla sola; e tu che sì na carogna te mettive pò ncuolle a na femmena?
Papele — Na femmena? Ma 'e a' vedè che specie de femmena è sta sora toia!