Paggena:'O funneco verde.djvu/32

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
30
'o funneco verde
Rosa — Ma io sempe songhe mamma e n'aggie cumpassione!
Ciccillo — Io pure me senteva sbattere lu core, io pure le songhe frate. Ma che nce vuò fa? Accussì è fatto lu munno!


SCENA V.


Peppenella, Alessio, Mimi e detti.


Peppenella — Trasite, trasite, mammà sta cà! Mà, nce stanno chille Signure che vonno a bedè la casa!
Ciccillo — Chi sò sti Signure? che vonno?
Rosa — Ah! site venute n'auta vota? Che ve credite che 'e fatte i tanne, mo nce sta figlieme, vulite sta frisco!
Alessio (piano a Mimi) — Mimì pe causa toia mò me faie fà, una figura infelice! (forte) Noi siamo venuti a vedè se tutte le disposizioni che abbiamo date sono state eseguite!
Mimi (piano ad Alessio) — D. Alè, vedite quanto è bellella, io me ne songhe nammurate pazzamente!
Alessio (c. s.) — Statte zitto, si no pò essere che abbuscamme de lu frate!
Rosa — Ciccì, lli biccanne, cheste songhe gente de coppa a lu Municipio, che se vonne piglià li case noste!
Alessio — Noi non nci vogliamo prendere niente da nessuno, veniamo quì per fare il nostro dovere!
Ciccillo — Parlate, de che se tratta, io nun ve capesco!
Rosa — Mà, statte zitto lassa parlà lu signore! Vuie chi site?
Alessio — Io sono un notabile della Sezione Porto, vengo quì per la Commissione igienica, per curare la nettezza di questo luogo.
Ciccillo — Nnsomma site n'autorità?
Alessio — Sicuro, sono un'autorità?
Mimi — Io sono un ingegnere del Municipio, che vengo per fare le piante per l'abbattimento di questo rione!
Rosa — Lo siente, nce vonne menà nterra! Se vonne piglià li case noste!
Ciccillo — Mà... statte zitta! Chiste signure songhe duie superiore nuoste! E quante annore putimme ricevere che beneno dinta la casa nosta?
Rosa — Uh! tu che dice?
Ciccillo — Signò, perdunate, cheste songhe femmene