Paggena:'O funneco verde.djvu/31

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
29
atto secondo
Ciccillo — Ah! addonca o vire che a corpa è sempe a toia, tu ti ire sverticellata cu la capa, e perzò chella povera vecchia t'amminacciaie. Ma tu sbriognatella ive cercanne nu presteste pe te ne scappà!
Mariella — Sì... io songhe na sgrata, na nfame, ma mo me so pentuta! Io sta vita nun la voglio fa chiù! Cu Papele nun nce voglio sta, chill'omme me fa appaura! Nun è overo che me vuleva bene! Me à vennuta comme a na schiava! Va truvanne sempe denare da me puvverella! e quanno nun nce ne donche, me vatte e me ammenacce de acciderme!
Ciccillo — Tu me dice chesto, e io m'addecreo! Chillo a da essera la forca toia! Isso farrà lì vennette meie! Pò doppe addà fa n'auto cunto cu mico, ma è na cosa che nce la vedimme tutte e duie, tu nun nce trase!
Mariella — Ciccì, frate mio! sarveme! sarveme! Falle pe l'aneme de lu pate nuoste!
Ciccillo — Statte zitto! nun sì degna d'annuminà chill'omme!
Mariella — Falle pe carità! io me ne voglio turnà a la casa mia! nun voglio sta chiù cu Papele!
Ciccillo — Tu nun tiene chiù case! tu nun tiene mamma! nun tiene frate, nun tiene sore, nun tiene nisciuno! Iesce na vota pe sempe, e cà nun nce mettere chiù lu piede, pecchè io se te veco n'auta vota lu passe nu guaie!
Mariella — Ma comme nun tiene lu core npiette! Nun te fa cumpassione lu state mio!
Ciccillo — E tu è tenuto core npietto quanne è lassate la casa toia?
Mariella — È state nu mumento che me songhe nbriacata!
Ciccillo — E chillo mumento lu pavarraie pe tutta la vita toia!
Mariella — Frate mio, perdoneme! (si avvicina)
Ciccillo — Iesce!... Iesce!... (Mariella fa controscena e via) Iesce! (Ciccillo cade sopra una sedia) Aggie fatte lu duvere mio! accussi aveva da fa!


SCENA IV.


Rosa e detto


Rosa — Che l'è ditto a chella povera Mariella che se n'è ghiuta chiagnenna!
Ciccillo — Mà, sì me vuò bene, nun me ne parlà chiù de chella! Essa nun te è chiù figlia, e a me nun me è chiù sora.