Paggena:'O funneco verde.djvu/30

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
28
'o funneco verde
Ciccillo — Iesce sbriugnate! Levate da nnanze all'uocchie miei e sì nò io faccio nu guaio!
Mariella — Mena mò, nun fa lu sprucete, damme nu vaso. (si accosta)
Ciccillo (rinculando) — Scostate!... Nun me tuccà!... Me faie libbrezzo!...
Mariella (resta confusa) — (A' saputo tutte cose!)
Ciccillo (dopo pausa) — Mà, iescetenne nu poco a parte 'e fore!
Rosa — Figlio mio, che vuò fa mò? Io te capesco! Tu me faie mettere appaura!
Ciccillo — Mà, t'aggio ditto iescetenne! Nun ne avè appaura!
Rosa — Giesù, povera casa mia! (esce facendo segni a Ciccillo)
Ciccillo — Biasiè, allippe!
Biasiello — Pur'io?
Ciccillo — Se, mo te teneva cumme a canneliere nnante!
Biasiello — Nzomma, nu pozze restà?
Ciccillo — Quanta vota te l'aggia dicere, abbia, si no te ne caccio!
Biasiello — Quanne è chesto me ne vaco io! (Resto cu la gulia nganno de sapè quacche cosa! (via)
Ciccillo — E tiene pure lu curaggio de venì a vedè a fratete? A chisto frate che ntramente isso stevo mmieze a chille servagge, arresecanne la vita soia pe se magnà nu tuozze de pane annurate, tu l'aie sbriugnata la casa soia! E mò te sì vestuta tutta sfarzosa, pe fa avvedè la lota che te sì vestuta tutta sfarzosa, per fa avvedè la lota che te sì poste nfaccia! Ma già tu scuorne nun ne tiene chiù!
Mariella — Tu àie ragione, frate mio, Io songhe... me metto scuorne pure de lo dicere!... Ma nun 'nce aggio corpa io!
Ciccillo — E chi nce ave corpa?
Mariella — Nce ave corpa chillo fauzo, traditore de Papele, e che me à ngannata a me povera figliola! Me à ditto che me avarria spusata, e mo, me maltratte me vatte, e quanno io parle de spusalizie, me ride nfaccia, e me dice: io me spusava a te? che fosse pazze?
Ciccillo — Ben fatte! Nce aggie sfizio accussì te e mmierete! Tu nun lo sapive Papele chi eva! E pò na figliola che se sape guardà, nun se ne fuie dalla casa soia.
Mariella — Ma chella Mamma me ne cacciaie!
Ciccillo — Mamme te ne cacciave a te? Nun lu pozzo credere!
Mariella — Già dicette che io nun vuleva faticà.