Paggena:'O funneco verde.djvu/29

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
atto secondo
27
Rosa (a stenti) — Sorete... è na disgraziata!...
Ciccillo — Na disgraziata? Soreme Mariella che io vuleva tante bene, na disgraziata? Mo, aggia avuta na curtellata a lu core! Biasiè e tu lo sapive e te stive zitte!
Biasiello — E che puteva fa io puveriello!
Ciccillo — Meglio ch'avesse ntiso che fosse morta sorema... o' manco me sarria accuietata na vota pe sempe... ma chesto che me è ditte è freve de la morte!
Biasiello — Mè Ciccì nun te piglià collera a tutte nce sta lu remmedio.
Ciccillo — Lu remmedio, e che remmedio nce pò sta a na cosa de chesta? Surtante e levarne da lu munne!
Rosa — Uh! Ciccì, nun sia maie, nun lu fa chesto, penza che chella t'è sore, e che io murarria appriessa a essa!
Ciccillo — No... io l'aggio ditto pè dì! Ma io nun me spurcarria li mmane ncuolla a na femmena! Se diciarria nu surdate à accise a na figliola, bella guapparia! Ma isso, isso! chillo Papele che se è venuto arrubbà l'onnore de la casa mia, cu isso me la sconte... a da murì accise pe li mane meie.
Biasiello — Tu che dice, chillo è n'assasseniello, te po fa la pelle a tradimento.
Ciccillo — E io nun me mette appaura de isso, nè de ciento cumme a isso... e si l'aggio dinta a li mano, me magne lu core a mmorze!
Rosa — Pe l'aneme de patete nun lo fa! penza che tu sì la sola cannela che faie luce a sta casa. E sì tu vaie carcerate, nuie cumme facimme!
Ciccillo — Mà, isso me à fatta sta tagliata de faccia, che sulamente cu lu sanghe se pò levà, perzò statte zitta e lasseme fa a me!
Rosa — D. Biasiè dicitencello vuie! priatelo vuie pure!
Biasiello — E io che pozzo fa, chillo a me nun me sente!


SCENA III.


Mariella e detti.


Mariella (dentro) (tutta pomposamente vestita, come le donne del popolo) — Addò sta... addò stà chillo frate mio, lu voglio vedè!
Rosa — È essa!
Ciccillo — Ah! Sbriugnata! tene pure lu curaggio de venì cà!
Biasiello — (Mo venene lli botte!)
Mariella (fuori) — Uh! Ciccillo mio! Frate mio! Quanto sì bello, damme nu vase!