Paggena:'O funneco verde.djvu/27

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
25
atto secondo
lazzarone napulitane! E mò, nun nce sta chiù! Quanne me l'allicorde io chiagne sempe!
Biasiello — Ma nun era napulitano stu tenente?
Ciccillo — No, era tuscano! Ma chesto che fa? Mo forze pecchè nun era de lu paese mio, io nun lo vuleva bene co tutto lu core! Abbasta che te persuade Biasiè, quanno tu è poste lu primmo pede dinte a nu quartiere, e te miette sta scorza ncuollo, addeviente n'auto omme. Là è una cosa, simme tutte frate! Nè io chi era? e tutte ca me sapite, era nu vastaso, nu materiale de chisto, nu iettate de mieza a la via, che si o no me l'abbuscave 7 o 8 sorde a lu iuorno! Ascette a leva e ghiette a fa lu surdate a mala voglia. Ebbè llà me songhe fatto omme, llà me songhe nparate de leggere e scrivere, llà m'aggio poste annore nfaccia e mo putarria sta affrunte de lì meglie signure, pecchè capesche che vene a dicere ò dovere mio.
Biasiello — Ebbiva Ciccillo me faie stravedè, tu nun sì chiù chillo Ciccillo de na vota.
Rosa — Stu figlie mio che belle parole che à ditte, teh! mammate te vo dà nu vaso!
Ciccillo — Ciente vase a chella mamma mia (esegue) Biasiè quanno stamme nu poco, a sulo a sulo, t'aggia cuntà tante fatte che me songhe succiesse! mò lu tiempe è accurte, nun te pozze dicere niente.
Biasiello — Quanne me vuò io so sempe a cà tuorne, tu te ne viene dint'à puteca, e parlamme nu poco.
Ciccillo — Io sarria rummase da chelli parte, me sarria fatte vuluntarie, ma lu pensiere de sta mammarella mia, e de li sore che io voglio bene, me ne à fatte venì!
Rosa — Eh! 'e fatte buone che nce stive a fa chelli parte
Ciccillo — Mà, nun veco a Peppenella, addò stà?
Rosa — Sta fatecanne nzieme cu Prezetella, pecchè io nun la pozzo aiutà.
Ciccillo — Me 'e diceme addostà de case Mariella, pecchè io la voglio ì a truvà subete, le voglio fa na supprese!
Biasiello — (Se, staie frische!)
Rosa (turbata) — Ma io nun la saccio la casa de Mariella pecchè nun nce sò ghiuta maie, è venuta sempe essa cà!
Ciccillo — Comme nun sai la casa de figlieta?... de Mariella? Chesto me fa maraveglia!
Rosa — A saccio, me lo dicette! ma me l'aggio scurdate!
Ciccillo — Mà, comme io nun capesco, tu te mbruglie a parlà... me dice cierte parole mazzecate... a me sta cosa nun me persuadesce... Biasiè parle tu, dimmi tu quacche cose.
Biasiello(Mò assomma la trupea) Eh! Ciccillo mio