Paggena:'O funneco verde.djvu/26

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
24
'O funneco verde
Ciccillo — La fatica, Biasiello mio, la fatica rinforza a nevratura, e fa venì la famme!
Biasiello — Aì ragione, là se fatica assaie!
Ciccillo — E che fatica! propete d'animale! ma vuie lo sapete che me è piaciuto de faticà sempe, e perzò la fatica non me à fatto specie.
Biasiello — Eh! Carne avvezza a patè dolor non sente!
Rosa — Ebbiva D. Biasiello, a fatto pure li vierze!
Biasiello — E conteme quacche cose de chilli parte llà... Fiurete cà quante bubbele e buscie se accochiene, Si uno vulesse sentere a tutte lli gente perdarria la capa.
Rosa — È overo che llà l'uomene songhe cumm'animale, che se magnene li cristiane.
Ciccillo — Mà, chi te dice sti cose? songhe uomene cumme a nuie, invece de tenè la faccia ianca la tenena nera comme a lu tezzone.
Biasiello — Anna parè tante diavule!
Rosa — Uh! sequenzia! e che brutta gente!
Biasiello — E tu sì state pure mmiezo a chella guerra addò murettene tanta surdate de li nuoste?
Ciccillo — E sì nce fosse state mò nun starria cà a parlà nzieme cu vuio! Tutte chille che nce iettere, poche turnaine vive, e chille poche songhe tutte struppiate!
Rosa — E ò vero, me l'allicordo quanne venettero a Napule! Povero figlie 'e mamme! Nun sia maie lu Cielo e figlieme fosse state uno de chille là.
Ciccillo — Figliete sarria state annurate, si le fosse attuccate na sciorte e chesta! Ah! meglio che fosse muorte io ciente vote, che chille povero tenente mio!
Biasiello — Pecchè nu tenente tuio è muorte miezo a chille aggrisse?
Ciccillo — Già lu tenente che io serveve, io era l'attendente suio!...
Biasiello — Cumme se 'ntenne?
Rosa — Ah! tu le facive li servizie!
Ciccillo — Era nu figliule che te l'avarrisse vevute dint'à nu bicchiere d'acqua, tanne era asciuto da lu culleggio e lu mannarene da chelli parte! Io lu vuleva bene comme a nu frate... e isso pure n'aute tante!... Faceva abbedè lu sostenuto, pecchè cu la disciplina militare accussì se a da fa! ma pò nun vedeva che pe l'uocchie mieie! Lu tengo ancora dinta a li recchie, quanne steveme sule e nun aveva che fa, me diceva... Esposito vien quà dimmi qualche fatto di Napoli... E io tante le diceva tanti fatticielle che sapeva, e isso tutte se arrecriave! Me chiammava pe pazzia lu