Paggena:'O funneco verde.djvu/25

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
23
atto secondo
Biasiello — Arrasusia!
Rosa — Nun tennarria stu dulore a lu core de vedè na figlia mia che è na disgraziata! (piange)
Biasiello (dopo lunga pausa) — L'avite vista chiù?
Rosa — Comme? Ve pare? sere fa venette, D. Biasiello mio, s'è fatta accussì bella! e accussì bella! c''a io a primma botta nun a canuscette! Che lazziette! che sciucquaglie, che anella che veste de velluto! che scialle de crespo! che merliette!
Biasiello — Ah! nè tene tutto chesto!
Rosa — Io senteva na voce: Nè Mammarella, mammarella mia a do sta? Ntela e currette!
Biasiello — E che dicette?
Rosa — Dicetto... oi mà, che ve ne pare de sta figlia vosta? Vuie comme state?... Embè nun nce che fà, mo è succiesso!...
Biasiello — Ah! neh! Ce vo na bella faccia tosta!
Rosa (allegra) — E me purtaie nu bello taglio de satinè venite ca ve lo voglio fa avvedè!... (va verso la cassa in fondo)
Biasiello — A se' Rosa à avuta a vesta, ha fernute 'e scrupele!


SCENA II.


Ciccillo (il quale veste la divisa antica dei soldati d'Africa, cioè di tela bianca) e detti.


Ciccillo (dall'ammezzato) — Oi mà cu chi staie parlanno?
Rosa (piano) — Nun è cosa mò, ve la faccio avvedè n'auta vota (forte) Ciccillo steva parlanno nu poco cu D. Biasiello!... Te vò vedè... Te l'allicuorde?
Ciccillo (sopra) — Comme nun me l'allicorde, a Biasiello, o' varviere. Mo scengo e lu vengo a vedè.
Biasiello — D. Ciccì, quà stanno i vostri severi!
Ciccillo — Che r'è mò, è asciuto D. Ciccillo, e quanno maie me è date o' Donne!
Rosa — Nun 'o vide che chille sta pazzianno! (piano) Ve raccumanno chello che v'aggio ditto, nun me facite scumparè!
Biasiello — E si 'o vene appurà pe auti perzone?
Rosa — Eppò tanne se penze, cumme arreparà lu fatte!
Ciccillo(abbasso) Uh! Biasiello mio, viene cà damme nu vase, cumme te sì fatte belle!
Biasiello — E tu comme te sì fatte nire (si abbracciano)
Ciccillo — Doppe 18 mise che songhe state a chelli terre arze de lu Sole, te pare che me puteva fa ianche!
Biasiello — Ma però te trove buone, staie chiatte, benediche, de bona salute!