Paggena:'O funneco verde.djvu/24

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
22
'o funneco verde
Biasiello — E quanno è venuto che à ditto?
Rosa — A' ditto: Uh! mà comme te sì fatte chiatta! E a Peppenella l'ha truvate chiù grossa e chiù bella!
Biasiello — E à ddimmanate de Mariella?
Rosa — La ieva truvanne?
Biasiello — E vuie che l'avite risposte?
Rosa — Aggie ditte che s'era maretata!
Biasiello — E isso se l'ha creduto?
Rosa — Tanto bello! Ma à ditto: Mà e pecchè nun me l'è scritto?
Biasiello — Ah! già!
Rosa — E che ne saccio io! Fuorze D. Biasiello se sarà se sarà scurdato de te lo dì!
Biasiello — Io, quanno me l'addimmanne, le dico che io nun nce l'aggio scritto pe le fa na surpresa, quanno turnavo. Dico buono?
Rosa — Se, bravo! Dicitele accussì!
Biasiello — Ah! Mò chella pazze, starria bona a casa soia, cu lu frate che è venuta da fora, invece adda fa chella vita!... Lu signore nce lu perdona.
Rosa — Nun me à vuluto sentere D. Biasiello mio, nun a vulute sentere.. Figlia mia, siente a mammeta, sta vita nun è cosa, miette cervella. Quanno io era cumme a te, steva annascosa! Mò na zetella nun è chiù zetella, mocc'a gente, si nun se guarda de li prete che tocca a' vunnella. Chella genta llà, t'alisce te accarezza, ma pò... luntane sia da ogni figlia de mamma... tu me capisce!!
Biasiello — E essa che rispunneva?
Rosa — Se ne faceva na resata.
Biasiello — Se iereve arrivate cu li parola doce, llà nce vuleva la mazza Siè Rosa mia!
Rosa — Ogne sera quanno essa se cuccava, io la raccumannavo a la Madonna, Madò tienela mente, dalle lume Madò! E cierte sere ch'essa veneva annotte io nun me cuccava fino a quanno nun s'era arreterate e diceva sempe groliapate e avvemmaria! E quanne veneva l'addimmannave addò sì state? Primme me diceva ncoppa a du Nannina, addimannacello! Pò nu iourno sapite che me dicette: Oì-mà, famme fa chello che aggio da fa!
Biasiello — Giesù!... arrivaie a chesto?
Rosa — Chillo iuorno che se ne fuiette, vuio lu sapite nun me venette na goccia propete pecchè lu Signore nun vulette. E fosse morta meglio sarria stata!